Passa ai contenuti principali

Borsetta 45 giri


Ancora girano a casa mia dei vecchi 45 giri consumati e rigati dal tempo e dalle puntine quanto basta per non essere più ascoltati.
Se ve lo state chiedendo io posso ancora ascoltare 33 e 45 giri!!! Mia mamma si è rifiutata di buttare il giradischi e per la verità conserva anche un Geloso con le bobine della mia voce da bambina incisa su!


Tornando agli anni 80 e ai 45 giri io li ascoltavo con questo grazie a un aggeggio infernale la cui puntina ogni tanto si incantava e per farla ripartire occorreva dargli una botta sopra con la mano...chi se lo ricorda???


Ebbene, dicevamo, mi è rimasta una manciata di 45 giri talmente rigati che sono inutilizzabili per ascoltare favole e musica, però possono essere certamente utilizzati in latro modo.

Avevo pensato di scaldare il vinile in forno per farne delle ciotole, ma mi dicono che il vinile scaldato emana fumi tossici e che non è propriamente opportuno usare il forno di casa.

Allora ho deciso di passare al piano B e di bucarlo per farlo diventare una borsetta.
Ho seguito le istruzioni di Decoriciclo. Naturalmente la sua è molto più bella della mia!!!

Il peluches che mi ha fatto da modello si chiama Filippo ed è mio amico da 38 anni anche se mio figlio se ne è impossessato e dice che è il suo! Non è propriamente a tema con i Magnifici anni '80 però passatemela una puntatina anche agli anni '70!!!




Commenti

  1. Come no? Me lo ricordo il mangia dischi! Molto carina la borsa, direi vintage! Hai eseguitun lavoretto non tanto facile eh? Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosalba! In effetti è molto vintage!!!

      Elimina
  2. Complimento Barby, la borsa è davvero carinissima!
    E l'orsetto in effetti ha l'espressione di chi se la tira molto con la sua nuova mitica borsa!!!
    Bravissima!
    Un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! L'orsetto è veramente contentissimo di essere spupazzato ancora (anche se in verità comincia a perdere i pezzi!!!

      Elimina
  3. Ma che bella questa borsetta.
    Brava Barbara!
    Lo ricordo anche io quel mangiadischi ma lo avevano i miei cugini.
    Noi ne avevamo un'altro che mia sorella ha fatto fondere attaccandolo alla corrente sbagliata! Non ti dico la puzza!!!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria! E' vero...bisognava mettere l'adattatore di corrente!!!

      Elimina
  4. E chi non se lo ricorda il mangiadischi? Carinissima la borsettina, un ottimo modo per riutilizzare i 45 giri rovinati!

    RispondiElimina
  5. Anch'io avevo quel mangiadischi lì e anch'io ho un orso (giallo) che mi accompagna da sempre e che ora è tra i peluches della mia bimba.
    Mi fa piacere vedere la tua versione della borsetta fatta con i dischi e ti ringrazio per la citazione. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue borsette sono decisamente più belle e più rifinite della mia!!!

      Elimina
  6. Molto originale la tua borsa anni '80.
    Il mangiadischi me lo ricordo eccome, e succedeva proprio come hai detto tu: bisognava dargli una botta quando s'incantava per farlo ripartire :D
    Un caro saluto.
    Marina

    RispondiElimina
  7. Borsetta deliziosa!
    Avevo il mangiadischi naturalmente, rosso, ma era un modello diverso; i 45 giri li ho ancora tutti e riesco pure io ad ascoltarli con lo stereo. Rigati sì, ma non inutilizzabili!
    Il mio orso, ancora in splendida forma, è mio amico da 45 anni e si chiama Brontolo.
    E' nella camera di mio figlio e pure lui crede sia suo. Glielo lascio credere, ma se ne lo rovina, lo sbrano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tutti questo orsi degli anni '70 sopravvissuti!!! Fantastici!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per