Passa ai contenuti principali

Borsetta 45 giri


Ancora girano a casa mia dei vecchi 45 giri consumati e rigati dal tempo e dalle puntine quanto basta per non essere più ascoltati.
Se ve lo state chiedendo io posso ancora ascoltare 33 e 45 giri!!! Mia mamma si è rifiutata di buttare il giradischi e per la verità conserva anche un Geloso con le bobine della mia voce da bambina incisa su!


Tornando agli anni 80 e ai 45 giri io li ascoltavo con questo grazie a un aggeggio infernale la cui puntina ogni tanto si incantava e per farla ripartire occorreva dargli una botta sopra con la mano...chi se lo ricorda???


Ebbene, dicevamo, mi è rimasta una manciata di 45 giri talmente rigati che sono inutilizzabili per ascoltare favole e musica, però possono essere certamente utilizzati in latro modo.

Avevo pensato di scaldare il vinile in forno per farne delle ciotole, ma mi dicono che il vinile scaldato emana fumi tossici e che non è propriamente opportuno usare il forno di casa.

Allora ho deciso di passare al piano B e di bucarlo per farlo diventare una borsetta.
Ho seguito le istruzioni di Decoriciclo. Naturalmente la sua è molto più bella della mia!!!

Il peluches che mi ha fatto da modello si chiama Filippo ed è mio amico da 38 anni anche se mio figlio se ne è impossessato e dice che è il suo! Non è propriamente a tema con i Magnifici anni '80 però passatemela una puntatina anche agli anni '70!!!




Commenti

  1. Come no? Me lo ricordo il mangia dischi! Molto carina la borsa, direi vintage! Hai eseguitun lavoretto non tanto facile eh? Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosalba! In effetti è molto vintage!!!

      Elimina
  2. Complimento Barby, la borsa è davvero carinissima!
    E l'orsetto in effetti ha l'espressione di chi se la tira molto con la sua nuova mitica borsa!!!
    Bravissima!
    Un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! L'orsetto è veramente contentissimo di essere spupazzato ancora (anche se in verità comincia a perdere i pezzi!!!

      Elimina
  3. Ma che bella questa borsetta.
    Brava Barbara!
    Lo ricordo anche io quel mangiadischi ma lo avevano i miei cugini.
    Noi ne avevamo un'altro che mia sorella ha fatto fondere attaccandolo alla corrente sbagliata! Non ti dico la puzza!!!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria! E' vero...bisognava mettere l'adattatore di corrente!!!

      Elimina
  4. E chi non se lo ricorda il mangiadischi? Carinissima la borsettina, un ottimo modo per riutilizzare i 45 giri rovinati!

    RispondiElimina
  5. Anch'io avevo quel mangiadischi lì e anch'io ho un orso (giallo) che mi accompagna da sempre e che ora è tra i peluches della mia bimba.
    Mi fa piacere vedere la tua versione della borsetta fatta con i dischi e ti ringrazio per la citazione. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue borsette sono decisamente più belle e più rifinite della mia!!!

      Elimina
  6. Molto originale la tua borsa anni '80.
    Il mangiadischi me lo ricordo eccome, e succedeva proprio come hai detto tu: bisognava dargli una botta quando s'incantava per farlo ripartire :D
    Un caro saluto.
    Marina

    RispondiElimina
  7. Borsetta deliziosa!
    Avevo il mangiadischi naturalmente, rosso, ma era un modello diverso; i 45 giri li ho ancora tutti e riesco pure io ad ascoltarli con lo stereo. Rigati sì, ma non inutilizzabili!
    Il mio orso, ancora in splendida forma, è mio amico da 45 anni e si chiama Brontolo.
    E' nella camera di mio figlio e pure lui crede sia suo. Glielo lascio credere, ma se ne lo rovina, lo sbrano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tutti questo orsi degli anni '70 sopravvissuti!!! Fantastici!!!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.