Passa ai contenuti principali

creando insieme Natale 2: palla di Natale Patchwork con la tecnica del carciofo


Vi dico subito che è un post lungo...mettetevi comode!
Ve lo ricordate "Creiamo il Natale Insieme"? L'anno scorso ci siamo divertiti ad andare in giro per blog e a leggere tutorial per realizzare decorazioni a tema natalizio con prodotto naturali e non plasticosi. E' stata veramente una bella esperienza!
Quest'anno la squadra si è di nuovo riunita, un po' rimescolata con new entry e defezioni, ma pronta ad aspettare anche quest'anno il Natale insieme a voi.
Questa è la squadra di blogger amiche di quest'anno:
Vi invito ad andare a curiosare nei loro bellissimi blog dove troverete, nei prossimi giorni, dei fantastici tutorial a tema natalizio.

La novità di quest'anno è che, grazie a Licia, i nostri progetti sono racchiusi tutti in un PDF che potrete comodamente scaricare da questo link!


Finita la lunga e doverosa premessa, vi lascio il mio tutorial che è presente nella raccolta: una palla di Natale patchwork utilizzando la tecnica del carciofo.


 Quella del Patchwork è una tecnica molto antica. Letteralmente patchwork significa “lavoro con le pezze”, in altre parole significa cucire pezzi di stoffa (soprattutto stoffa di recupero) per creare altri oggetti di uso comune nelle case (come ad esempio le coperte) oppure oggetti decorativi.

Sono molte le tecniche del patchwork. Quella che a me piace di più e che mi dà più soddisfazione è la tecnica del patchwork senza ago. Con questa tecnica si possono decorare gli oggetti in polistirolo e si possono creare tante coloratissime decorazioni.

Questa volta vi voglio mostrare come ho realizzato una pallina di natale con la tecnica del carciofo.
Vediamo subito quali sono i materiali occorrenti:


·         Palla di polistirolo di medie dimensioni

·         Spilli da tappezziere

·         16 quadrati di tessuto fantasia 10x10 cm

·         2 quadrati di tessuto con disegno natalizio 10x10

·         Cordoncino

·         Rametti di pino e bacche

·         Colla a caldo

Per prima cosa appuntiamo con gli spilli da tappezziere il primo quadrato di tessuto con disegno natalizio: questo sarà la nostra base per la prima parte del lavoro.


Cominciamo poi a preparare il tessuto fantasia. I nostri quadrati dovranno diventare dei triangoli e per farlo dobbiamo prima piegare il tessuto su se stesso e poi piegare gli angoli esterni verso l’interno del lavoro.

Per la prima parte della lavorazione ci occorrono 8 triangoli che andremo a posizionare sulla palla di polistirolo seguendo i punti cardinali (nord-sud e ovest-est).


Continuiamo la lavorazione applicando gli altri quattro triangoli leggermente più in dietro dei primi e a coprire gli spazi mancanti come se stessimo creando una rosa dei venti.

A questo punto abbiamo decorato metà della sfera. Giriamo la palla di polistirolo e ripetiamo dall’altro gli stessi passaggi.

Alla fine tutta la palla di polistirolo sarà ricoperta dalla stoffa, ma si vedrà il punto di congiunzione tra i triangoli di un emisfero e dell’altro.

Per nascondere il pinto di congiunzione delle stoffe ho passato più volte il cordoncino e l’ho fissato alla sfera con i chiodini da tappezziere.

 Dopo qualche giro, quando ho ritenuto sufficiente la larghezza della fascia di cordoncino, ho creato un cappio (anch’esso ancorato alla palla con i chiodini) per poter appendere la palla.

Per nascondere il nodo ho applicato con qualche goccia di colla a caldo i rametti finti di pino e le finte bacche.






Commenti

  1. Molto bella la pallina che hai proposto! Ci proverò!

    RispondiElimina
  2. Meravigliosa. Proverò a farla anche io...grazie.💋

    RispondiElimina
  3. Anni fa ho fatto varie palline patchwork, ma un po' diverse.
    Ne avevo prodotte in quantità industriale e ne ho regalate a tutti.
    Bel lavoro, Barby!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, quando sono ispirata, ne faccio in produzione industriale!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…