Passa ai contenuti principali

Mandala quilling, ovvero come l'ispirazione nasce dal fare ordine...


Capita che nel mettere a posto la stanza di un settenne disordinato si facciano strani incontri anche un po' fuori stagione. E' per questo che io giro sempre con una busta in mano pronta a raccogliere e buttare.

Così ero in perlustrazione anche qualche giorno fa di busta armata e con lo sguardo attento. Così, inaspettatamente, da sotto una felpa accartocciata è comparso un tubetto nuovo e ancora sigillato di stelle filanti.

La felpa è finita piegata nel cassetto e le stelle filanti nella mia mano: non nella busta della spazzatura, proprio nella mia mano.

Sono finite sul mio comodino in attesa dell'ispirazione giusta. L'ispirazione non si è fatta attendere ed è arrivata la sera.


Mi sono ricordata di un guest post pubblicato qualche tempo fa sulla tecnica del quilling, ovvero dell'arte dei riccioli di carta.

In fondo le stelle filanti non sono altro che lunghe striscioline di carta.

Complice il figlio perso nella lettura di un libro e il consorte assorto nella visione di una partita di calcio, mi sono messa ad arrotolare carta.

Rotolino dopo rotolino il mio mandala ha cominciato a prendere forma. Un ricciolo per volta, dal centro alla periferia, un po' di colla ogni tanto. Fino all'ultimo giro, fino alla fine della partita, fino all'ora di andare a dormire.

Su quello che doveva essere il suo scopo finale ho avuto molti dubbi. Lo avrei volentieri fatto diventare un ciondolo, ma ho paura che sia troppo fragile, che la carta si spezzi. Così, alla fine, ho deciso di attaccare una calamita e attaccarlo al frigorifero.

Con questo post partecipo, sul filo del rasoio a



Commenti

  1. Ed è venuto veramente bene!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia. E' stato un bell'esercizio di concentrazione.

      Elimina
  2. ma che bello! questa foto con il centrino è stupenda.... mandala nel mandala.... bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo uno sfondo che non fosse un foglio colorato. Peccato non saper fare il chiacchierino!

      Elimina
  3. ahahaha addirittura hai recuperato le stelle filanti? Sei un mito!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pure di nascosto che se no mio figlio mica me le faceva usare!!!

      Elimina
  4. Ahahhaahha, solo a te vengono queste idee al volo.
    Io, sinceramente, avrei buttato le stelle filanti.
    Grande Barbara!

    RispondiElimina
  5. Un ottimo lavoro. Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…