Passa ai contenuti principali

Mandala quilling, ovvero come l'ispirazione nasce dal fare ordine...


Capita che nel mettere a posto la stanza di un settenne disordinato si facciano strani incontri anche un po' fuori stagione. E' per questo che io giro sempre con una busta in mano pronta a raccogliere e buttare.

Così ero in perlustrazione anche qualche giorno fa di busta armata e con lo sguardo attento. Così, inaspettatamente, da sotto una felpa accartocciata è comparso un tubetto nuovo e ancora sigillato di stelle filanti.

La felpa è finita piegata nel cassetto e le stelle filanti nella mia mano: non nella busta della spazzatura, proprio nella mia mano.

Sono finite sul mio comodino in attesa dell'ispirazione giusta. L'ispirazione non si è fatta attendere ed è arrivata la sera.


Mi sono ricordata di un guest post pubblicato qualche tempo fa sulla tecnica del quilling, ovvero dell'arte dei riccioli di carta.

In fondo le stelle filanti non sono altro che lunghe striscioline di carta.

Complice il figlio perso nella lettura di un libro e il consorte assorto nella visione di una partita di calcio, mi sono messa ad arrotolare carta.

Rotolino dopo rotolino il mio mandala ha cominciato a prendere forma. Un ricciolo per volta, dal centro alla periferia, un po' di colla ogni tanto. Fino all'ultimo giro, fino alla fine della partita, fino all'ora di andare a dormire.

Su quello che doveva essere il suo scopo finale ho avuto molti dubbi. Lo avrei volentieri fatto diventare un ciondolo, ma ho paura che sia troppo fragile, che la carta si spezzi. Così, alla fine, ho deciso di attaccare una calamita e attaccarlo al frigorifero.

Con questo post partecipo, sul filo del rasoio a



Commenti

  1. Ed è venuto veramente bene!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia. E' stato un bell'esercizio di concentrazione.

      Elimina
  2. ma che bello! questa foto con il centrino è stupenda.... mandala nel mandala.... bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo uno sfondo che non fosse un foglio colorato. Peccato non saper fare il chiacchierino!

      Elimina
  3. ahahaha addirittura hai recuperato le stelle filanti? Sei un mito!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pure di nascosto che se no mio figlio mica me le faceva usare!!!

      Elimina
  4. Ahahhaahha, solo a te vengono queste idee al volo.
    Io, sinceramente, avrei buttato le stelle filanti.
    Grande Barbara!

    RispondiElimina
  5. Un ottimo lavoro. Ciao e buon fine settimana.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo!
"Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?"
Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante.
Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo.
Ora vi dico come ho fatto.