Passa ai contenuti principali

Cinecittà: viaggio dentro al cinema


Ci accoglie lei l'immensa testa di Venusia. Ci accoglie e ci fa subito percepire che ci stiamo immergendo dentro a un altro mondo. Un mondo irreale, dove tutto è ricostruito, dove tutto è finzione.
Questo è il messaggio che volevo trasmettere al Piccolo Esploratore quando gli ho proposto di andare a vedere i set cinematografici di Cinecittà.
Tutto ciò che si vede al cinema è finzione: si gioca a far finta di...di essere qualcun altro (gli attori), di essere in un'altra epoca, in altri luoghi.
La magia del cinema e la bravura di chi fa cinema è di rendere reale la finzione.



Emozionati, abbiamo seguito la nostra guida verso i set cinematografici visitabili dal pubblico.

Una doverosa sosta davanti allo studio 5, lo studio di Fellini e poi il nostro primo salto temporale: l'antica Roma!


Tutte le strutture sono riprodotte in vetroresina. Sembra tutto vero anche se a battere sul muro il suono è sordo e la percezione del vuoto è evidente.

Qui hanno girato gli esterni della serie tv Rome che ha avuto un grandesuccesso negli USA e uno scarso apprezzamento qui in Italia.

Pochi metri a piedi, giriamo l'angolo e...


Gerusalemme. Altro luogo, altra epoca. Stessi materiali ma un set cinematografico nuovissino (il film deve ancora uscire).


E' da questo momento in poi che la finzione prende il sopravvento sulla realtà. Da qui in poi è tutto più chiaro...

Il passaggio attraverso una porta non ci conduce a uno spazio interno, ma al retro del palazzo


E poi, ancora oltre ci siamo ritrovati dentro a Gangs of New York


Un rapidissimo sguardo per una scenografia mai più utilizzata per nessun altro film o spot pubblicitario.

L'ultimo gioiello, opera degli artigiani di Cinecittà è la ricostruzione di una parte di Assisi

Con Assisi è finita la nostra visita guidata all'interno della finzione.
Prima di uscire da Cinecittà siamo però andati a visitare il museo del cinema nel quale sono custoditi abiti di scena, telecamere antiche e alcuni trucchi cnematografici. Un'intera area del museo è dedicata a uno dei più grandi registi italiani che ha fatto di Cinecittà la sua casa: Federico Fellini.





Commenti

  1. Bellissimo!!!

    un bacione
    M.
    http://sogniamore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. Davvero un bellissimo giro, non sono mai stata a Cinecittà, ma devo dire che mi ha sempre affascinato pensare a dove vengono girati i film!!

    Buona domenica
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  3. Mi ero persa questo post.
    Figata galattica questa visita!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per