Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Esploratore alla mostra Love

 L'amore non si vede in un luogo e non si cerca con gli occhi del corpo. Non si odono le sue parole e quando viene a te non si odono i suoi passi.
S. AGOSTINO


Devo dire la verità. Probabilmente non sarei mai andata a visitare questa mostra se non fosse saltata la gita scolastica allo Gnomo.

Insomma, la maestra dello Gnomo ha proposto la visita di questa mostra alla classe come prima gita del 2017 e la proposta è stata bocciata perchè non si è raggiunto il numero minimo di bambini partecipanti.
Il perchè di questo boicottaggio di massa sarebbe troppo lungo da spiegare, e anche fuori luogo.

Comunque a me questo diniego ha messo curiosità.


Così il lunedì dopo il referendum costituzionale, complice la scuola chiusa per seggio elettorale, abbiamo preso l'autobus e siamo andati al Chiostro del Bramante uno più curioso dell'altro.

Avevo già portato lo Gnomo al Chiostro per vedere la mostra su Chagall e ne era uscito entusiasta. Mi ricordavo anche che c'era stata una particolare attenzione nei confronti dei bambini. Mio figlio infatti aveva girato felice con le sue cuffiette.

Anche per Love è stato lo stesso: lui ha preso l'audioguida, io ho preferito andare in giro senza (un po' per non perdelo di vista un po' perchè non mi andava di avere cose in mano.

Ci ha accolto l'amore che ci ha preso per mano e ci ha portato attraverso le sale facendoci scoprire le sue molte sfaccettature.


 L'amore si manifesta attraverso le scritte lasciate sui muri, sui post-it. E' un amore impresso, che si manifesta attraverso un atto vandalico.

Continuo e trovo l'amore familiare


L'amore che porta amore, che porta vita.

L'amore è anche arte e con essa si manifesta


Grandi fiori di palstilina ci hanno accompagnato attraverso una manifestazione brutta dell'amore. Tanto brutta che io non voglio neanche accostarla alla parola "amore" ma che tanto spesso viene accostata ad essa: oppressione.


Per concludere, l'istallazione che ti lascia senza fiato, che ti fa entrare in un mondo magico per una manciata di secondi.


Ci siamo ritrovati immersi in un gioco di luci e di specchi che ci hanno proiettato all'infinito. Trenta secondi e poi la porta alle mie spalle si è nuovamente aperta e l'incanto si è interrotto.


A noi è rimasta la consapevolezza di aver fatto una bella esperienza, di aver visto opere incredibi e di esserci divertiti ad andare in giro con il naso all'insù.






Commenti

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.