Passa ai contenuti principali

Il Piccolo Esploratore alla mostra Love

 L'amore non si vede in un luogo e non si cerca con gli occhi del corpo. Non si odono le sue parole e quando viene a te non si odono i suoi passi.
S. AGOSTINO


Devo dire la verità. Probabilmente non sarei mai andata a visitare questa mostra se non fosse saltata la gita scolastica allo Gnomo.

Insomma, la maestra dello Gnomo ha proposto la visita di questa mostra alla classe come prima gita del 2017 e la proposta è stata bocciata perchè non si è raggiunto il numero minimo di bambini partecipanti.
Il perchè di questo boicottaggio di massa sarebbe troppo lungo da spiegare, e anche fuori luogo.

Comunque a me questo diniego ha messo curiosità.


Così il lunedì dopo il referendum costituzionale, complice la scuola chiusa per seggio elettorale, abbiamo preso l'autobus e siamo andati al Chiostro del Bramante uno più curioso dell'altro.

Avevo già portato lo Gnomo al Chiostro per vedere la mostra su Chagall e ne era uscito entusiasta. Mi ricordavo anche che c'era stata una particolare attenzione nei confronti dei bambini. Mio figlio infatti aveva girato felice con le sue cuffiette.

Anche per Love è stato lo stesso: lui ha preso l'audioguida, io ho preferito andare in giro senza (un po' per non perdelo di vista un po' perchè non mi andava di avere cose in mano.

Ci ha accolto l'amore che ci ha preso per mano e ci ha portato attraverso le sale facendoci scoprire le sue molte sfaccettature.


 L'amore si manifesta attraverso le scritte lasciate sui muri, sui post-it. E' un amore impresso, che si manifesta attraverso un atto vandalico.

Continuo e trovo l'amore familiare


L'amore che porta amore, che porta vita.

L'amore è anche arte e con essa si manifesta


Grandi fiori di palstilina ci hanno accompagnato attraverso una manifestazione brutta dell'amore. Tanto brutta che io non voglio neanche accostarla alla parola "amore" ma che tanto spesso viene accostata ad essa: oppressione.


Per concludere, l'istallazione che ti lascia senza fiato, che ti fa entrare in un mondo magico per una manciata di secondi.


Ci siamo ritrovati immersi in un gioco di luci e di specchi che ci hanno proiettato all'infinito. Trenta secondi e poi la porta alle mie spalle si è nuovamente aperta e l'incanto si è interrotto.


A noi è rimasta la consapevolezza di aver fatto una bella esperienza, di aver visto opere incredibi e di esserci divertiti ad andare in giro con il naso all'insù.






Commenti

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…