Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 18: il treno


Non riesco a stare per tanto tempo lontana dalla iniziativa di Patricia. Mi diverto troppo a scrivere i finali dei suoi racconti.

Ogni tanto il tempo di scrivere mi sfugge da sotto le mani, però il blog di Patricia lo considero un porto sicuro a cui approdare.

Mettiamoci poi che i suoi incipit sono uno più bello dell'altro...

...Ok sviolinata finita!


Vi ricordo brevemente le regole del gioco: bisogna scrivere il finale di racconto in 200/300 battute oppure in 200/300 parole. Da questo mese Pat. ha anche messo una fotografia a cui bisogna attenerci per il finale del tema.

La fotografia per questo mese è quella che vedete in cima al post e il tema del racconto è il treno

Questo è l'incipit di Patricia

Battisti nelle cuffiette cantava “c’è un treno che parte alle 7,40...”

Forse non erano proprio le 7,40 però il treno era lì, fermo come un cannibale vorace pronto a inghiottire chiunque gli si avvicinasse troppo. Pauroso, eppure invitante.

Doveva smettere di guardarlo e prendere una decisione. Salire o no?


Questo il mio finale

Il fischio del controllore lo aveva riportato alla realtà. Solo pochi secondi per prendere la decisione che gli avrebbe cambiato la vita. Il tasto rewind non funzionava, doveva andare avanti. 
La direzione l'avrebbe trovata camminando. 
Doveva voltare le spalle al treno e cominciare il suo cammino. 

Con questo post partecipo a 
 

Commenti

  1. Bellissimo Barbara!
    Una decisione va sempre presa. Non serve crogiolarsi nell'incertezza. Fa male! Brava, ottima prova.

    Ps.. sviolinata? Continua pure che non mi offendo 😅😅😅😅😅

    RispondiElimina
  2. Ma brava Barbara.
    Gli incipit di Patrizia fanno sempre venire la voglia di ... continuarli.
    Bello il tuo finale!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, c'è posto eh... :)
      Bacio

      Elimina
    2. Maria ha ragione Patricia. E' un gioco divertentissimo e alla fine è come mangiare ciliege

      Elimina
  3. Bel finale, l'opposto del mio. In ogni caso la decisione presa porterà lontano.
    Brava.

    RispondiElimina
  4. Ogni decisione è quella giusta, se si segue l'istinto e sopratutto il cuore! :) Brava Barbara <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.