Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 18: il treno


Non riesco a stare per tanto tempo lontana dalla iniziativa di Patricia. Mi diverto troppo a scrivere i finali dei suoi racconti.

Ogni tanto il tempo di scrivere mi sfugge da sotto le mani, però il blog di Patricia lo considero un porto sicuro a cui approdare.

Mettiamoci poi che i suoi incipit sono uno più bello dell'altro...

...Ok sviolinata finita!


Vi ricordo brevemente le regole del gioco: bisogna scrivere il finale di racconto in 200/300 battute oppure in 200/300 parole. Da questo mese Pat. ha anche messo una fotografia a cui bisogna attenerci per il finale del tema.

La fotografia per questo mese è quella che vedete in cima al post e il tema del racconto è il treno

Questo è l'incipit di Patricia

Battisti nelle cuffiette cantava “c’è un treno che parte alle 7,40...”

Forse non erano proprio le 7,40 però il treno era lì, fermo come un cannibale vorace pronto a inghiottire chiunque gli si avvicinasse troppo. Pauroso, eppure invitante.

Doveva smettere di guardarlo e prendere una decisione. Salire o no?


Questo il mio finale

Il fischio del controllore lo aveva riportato alla realtà. Solo pochi secondi per prendere la decisione che gli avrebbe cambiato la vita. Il tasto rewind non funzionava, doveva andare avanti. 
La direzione l'avrebbe trovata camminando. 
Doveva voltare le spalle al treno e cominciare il suo cammino. 

Con questo post partecipo a 
 

Commenti

  1. Bellissimo Barbara!
    Una decisione va sempre presa. Non serve crogiolarsi nell'incertezza. Fa male! Brava, ottima prova.

    Ps.. sviolinata? Continua pure che non mi offendo 😅😅😅😅😅

    RispondiElimina
  2. Ma brava Barbara.
    Gli incipit di Patrizia fanno sempre venire la voglia di ... continuarli.
    Bello il tuo finale!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, c'è posto eh... :)
      Bacio

      Elimina
    2. Maria ha ragione Patricia. E' un gioco divertentissimo e alla fine è come mangiare ciliege

      Elimina
  3. Bel finale, l'opposto del mio. In ogni caso la decisione presa porterà lontano.
    Brava.

    RispondiElimina
  4. Ogni decisione è quella giusta, se si segue l'istinto e sopratutto il cuore! :) Brava Barbara <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.