Passa ai contenuti principali

Incendi e Ricordi


Inquesto periodo ci sono incendi ovunque. Brucia tutto. Sicilia, Sardegna, Lazio, Campania... sembra un bollettino di guerra.

Piromani, almeno ora li chiamano con il loro nome, fino a qualche hanno fa dicevano "autocombustione"... va beh.

E' proprio con lo scorrere di queste immagini, del fuoco, del fumo, degli alberi che bruciano, che torno in dietro con la memoria.

Era l'estate del 1982, la prima estate della quale ho ricordi vividi. Prima dell'82 ho ricordi frammentati che non riesco a ricollocare nel tempo e nello spazio.


Mi ricordo ad esempio di un campeggio nel quale facevano la disinfestazione contro le zanzare all'ora di cena e mi ricordo mia mamma che mi spronava a mangiare velocemente che stava arrivando il trattore. A pensarci ora mi viene da ridere. Intanto per la follia di non fare questa operazione di notte ma all'ora di cena, e poi perchè, caspita, nessuno si andava a lamentare alla direzione del campeggio, piuttosto se la prendevano con noi bambini che non eravamo veloci a mangiare e coprivano i piatti con altri piatti... e poi noi, ora adulti, facciamo battaglie contro l'olio di palma...

Non so però collocare questa vacanza nè nel tempo nè nello spazio.  Come non ho la minima idea di dove fossimo quando,  per andare in spiaggia venivo collocata su un carretto trainato da una specie di trattore. Mi ricordo solo che qualcuno mi ci faceva salire.

Ok sto divagando.

Dicevo, era l'estate del 1982 e noi avevamo un Caravan nuovo di zecca da inaugurare. Ci lasciavamo alle spalle le vacanza in tenda per delle più comode vacanze con la nostra piccola casa su due ruote. Destinazione Sardegna. Terra di origine di mia mamma e meta tattica per fare pochi chilometri e avere un mare bello.

Tutto sotto controllo tranne per un particolare.

Quell'anno gli incendi devastarono la Sardegna. E devastarono soprattutto la zona dove eravamo noi in villeggiatura.

Praticamente un incubo. C'è mancato poco che evaquassero il campeggio. Fiamme ovunque. Sopratutto fiamme al di là della strada.

E poi c'erano quelli che per noi bambini erano la vera attrazione: i canadaire.



Venivano a prendere l'acqua dal mare davanti alla nostra spiaggia e noi, tutti, avevamo orari ferrei per poterci fare il bagno.

Mio padre, mi ricordo, aveva fatto un servizio fotografico completo a questi strani aerei, ma all'epoca si era fissato con le diapositive ...

E mi ricordo anche che morirono annegatio due ragazzi del campeggio perchè si misero a giocare con il mare in burrasca.

Quindi ricapitolando: la prima vacanza che mi ricordo per bene (cioè mi ricordo per bene dove siamo stati e in che anno) è stata la nostra vacanza in Sardegna caratterizzata da incendi, canadaire e morti.

Neanche a dirlo, dopo una estate del genere, che i miei genitori non misero mai più piede in Sardegna.

Io ci sono ritornata, tanti anni dopo, e per fortuna la mia vacanza fu molto più rilassante e senza nessun intoppo.

Con questo post partecipo a


Aspetto i vostri ricordi!!!


Commenti

  1. Più che una vacanza pare un film dell'orrore!!!!

    RispondiElimina
  2. Barbara, vacanze da incubo per questo restano nella memoria...💖💖

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…