Passa ai contenuti principali

Le ricette dello Chef: il club house



Finalmente ce l'ho fatta a incastrare mio marito! Già perchè sono anni che provo a convincerlo di entrare in un modo o nell'altro a far parte del blog.

Ok lui è quello che risolve i miei problemi informatici di domenica sera, è quello che mi sta vicino quando ho l'ago in mano (anche se ha paura che io possa infilzarlo), però insomma fino ad ora non è stato coinvolto in prima paersona.

In realtà non lo è stato fino a l'altro ieri quando, dopo una bella pioggia insistente, le temperature si sono abbassate e c'è venuta finalmente voglia di riaccendere i fornelli.

Piatto proposto dal marito: "Club House" riveduto e corretto.

Più che altro gli ho detto: "o faccio foto e scrivo un post oppure non ti aiuto". Naturalmente ha acconsentito!



Comincio dallo spiegare perchè "riveduto e corretto".

Prima di tutto io non ho un tostapane gigantesco: un toast più grande di così non si può proprio fare; poi era anche per l'Ometto e lui se vede troppo verde (insalata) non mangia. Quindi abbiamo optato per un toast più contenuto: non 3 fette di pancarrè ma solo 2.

Per il resto gli ingredienti ci sono tutti:
  • Pancarrè
  • Pancetta dolce
  • Petto di pollo
  • Insalata
  • Pomodori
  • Maionese
Intanto che lo Chef faceva cuocere la carne e la pancetta


Io ho messo il pancarrè nel tostapane.  Sì non ridete, please, nella nostra cucina è così...io sono addetta alle mansioni umili!

Lo Chef ha poi messo la maionese sul pancarrè insiame a insalata, pomodori e carne.
Il Club House è stato poi servito su un letto di patatine fritte (in busta che avevamo troppa fame per metterci anche a friggere le patate!).


Che dite lo promuoviamo lo Chef?! Siate buoni che se no non mi prepara più la cena!!!

Con questo post partecipo a

Commenti

  1. Tu in realtà non è che ti limiti a fare le mansioni umili solo in cucina.
    Tu sei un operaio factotum!!!
    Piatto giusto per la domenica sera, lo copio di sicuro.

    RispondiElimina
  2. Certo che è un'idea fantastica...la domenica sera si cena con un bel toast. Sono anni che non lo faccio...riscoperta . Angela ti ringrazia

    RispondiElimina
  3. Ma che fortuna è avere un marito che cucina???? E poi... che consolazione è vedere che anche voi andate a toast e non a pietanze extrabio extraequilibrate ed extrasostenibili???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No direi che la cucina extrabio non fa per noi (anche se il pancarrè lo abbiamo comprato dal fornaio e non è quello industriale)

      Elimina
  4. Promosso...è proprio ora di cena, ringrazia tuo marito da parte mia che ora vado a riferire la ricetta al mio!! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mio marito non è il solo che cucina la sera!

      Elimina
  5. Dai che la cena te la prepara ancora, mi sembra semplice ma ottima. Ciao

    RispondiElimina
  6. Direi promosso a pieni voti! Questa ricetta me la segno, sono sicura che piacerà molto ai miei maschiacci!
    Bacioni!
    Sy del Blog ❤ Inartesy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provato venerdì!! Buonissimo come mi aspettavo!! I golosoni ringraziano!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…