Passa ai contenuti principali

Messaggi segreti.

Io ho la vaga sensazione che prima dell'estate daremo fuoco a casa. Questa storia del piccolo chimico e degli esperimenti in cucina mi sta leggermente sfuggendo di mano.
Non mi è neanche venuto in mente, in realtà, il mofìdo nel quale Nicolas Cage ritrovava l'indizio nascosto nella Carta d'Indipendenza delgli Stati Uniti (se avete visto il film Il Mistero dei Templari sapete di cosa sto parlando).
In effetti usare il forno o l'asciugacapelli poteva sembrare una cosa troppo semblice e banale: meglio usare la fiamma viva del fornello per far riemergere i messagi segreti!

Andiamo con ordine.

Il nostro esperimento consisteva nello scrivere un messaggio segreto con il succo di un limone.


Il succo di limone una volta asciugato diventa incolore. La scritta si più vedere solo se si fa avvicinare la carta a una fonte di calore.


Il caldo fa riemergere la scritta... e noi abbiamo usato il fuoco dei fornelli.
Non lo fa anche voi eh! Intanto perchè è pericoloso, e poi perchè fa puzza. Va bene anche una candela (che comunque limita i danni) o un asciugacapelli, magari ci vorrà di più per vedere la scritta, ma è certamente più sicuro!

Abbiamo giocato per un po' con il limone e poi abbiamo deciso di cambiare elemento: anzichè il limone abbiamo usato un composto di acqua e sale (più sale che acqua).

Con la fonte di calore l'acqua evapora e rimane il sale.


Io vi do appuntamento al prossimo esperimento...

Commenti

  1. Ahahah ^__^
    Attenzione allora!
    Però, questa cosa dei messaggi segreti è intrigante, chissà se si usa nello scrapbooking...?!
    Ciao Barbara.
    Maris

    RispondiElimina
  2. Ciao, muova follower! Complimenti per il blog; qui la mia ultima recensione: https://ioamoilibrieleserietv.blogspot.it/2017/10/recensione-serie-immortali-alyson-noel_17.html

    se ti va ti aspetto da me come lettrice fissa; trovi il blog anche su instagram come: ioamoilibrieleserietv

    grazie

    RispondiElimina
  3. Ma Barbi, miseria, sei un pericolo pubblico!!!

    RispondiElimina
  4. ah ah aha hah Barbara, mi unisco a te nell'essere un pericolo pubblico. Devo stare attenta a maneggiare il fuoco. Le scritte segrete sono sempre state un must, e non a caso ho un inchiostro fantasma che funziona proprio come il limone, con la differenza che è inodore ed è più difficile accorgersi che vi sono messaggi segreti sul foglio ;)
    Ho visto (solo ora) che sei già stata nominata per il Liebster. Beh l'ho fatto anch'io perché il tuo blog non lo avevo mai nominato nelle precedenti edizioni, e volevo farlo.
    Se hai voglia di rispondere alle mie domande (nulla di impegnativo) passa dal blog.
    Ciao
    Marina

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…