Passa ai contenuti principali

Insieme raccontiamo 29: Toc toc


Il mio problema tecnico dell'altro giorno, il fatto che io abbia involontariamente cancellato un post dal mio blog, mi ha fato posare l'attenzione sulle ultime date di pubblicazione...
Caspita ma da quanto non scrivevo un post! E i racconti di Patricia???
Lasciamo stare, che è una sacco di mesi che non completo una sua storia.

Tocca che corro ai ripari, e anche velocemente, che il termine per finire il racconto scade tra pochi, pochissimi giorni.

Le regole di Patricia le conoscete, vero? Bisogna finire il suo racconto usando 200/300 parole oppure battute.



 



 I'incipit di Patricia
Era sfinita. Stanchezza, stress, rompimento di scatole... non ne poteva più. Aveva solo voglia di riposarsi e dimenticare tutto e tutti almeno per un po'.
Si gettò sul letto al buio e fu allora che....


Il mio finale

Toc, toc toc... qualcuno stava lanciando sassi contro la sua finestra. "Ma diamine", pensò, "giusto ora che mi ero finalemnte messa a letto" Chi potrà mai essere a quest'ora!"

Toc toc. "Ho capito mi alzo!". Accese la luce, si diresse verso la finestra, aprì con cautela le persiane, che l'ultima cosa che le mancava in quella giornata era di ricevere un sasso in testa, e gridò "Chi è, di grazia che fa tutto questo baccano?".

"Che ti ho svegliato, Pat?" Sai passavo di qui e avevo voglia di vederti".
"Ma tu lo sai, vero, che hanno inventato i citofoni, i telefoni, non devi mica sfondare le finestre per attirare la mia attenzione, basta anche solo un messaggio su whatsapp!"
"Sì lo so, non volevo disturbare!!"
"Ok dai sali!"

Così Peter salì in casa e si mise a raccontare il suo strano sogno...
La notte prima si era sognato che un gigante era venuto a bussare alla sua finestra, si era fatto aprire le imposte e si era messo a raccontare una storia...

"Ma dai Peter, ma che sogni fai! Ma hai mangiato pesante ieri sera?"
"Pat, non sembrava un sogno, te lo giuro, sembrava tutto vero!"
"Già, ora mi dirai che in giro per la città c'è un gigante che su diverte a bussare alle finestre e al quale piace raccontare le storie"
...
Toc. Toc toc...

Con questo post partecipo a Insieme Raccontiamo 


Commenti

  1. Barbarella, perdona il ritardo ma ho avuto parecchi casini!!!!!
    Bellissimo!!!
    Se arrivasse un gigante a bussare alla mia finestra magari gli chiederei pure di portarmi con lui in questo momento...
    Grazie stella!
    VAdo ad aggiornare il riepilogo e mi raccomando... visto che son fusa potrebbero esserci errori Fammeli notare senza problemi
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Non per rompere, ma problemi tecnici ne hai ancora .... l'immagine di testa è sparita.
    Quanto ad I.R .... lasciamo perdere .... magari riuscirei anche a scrivere qualche finale, ma non troverei più il tempo di leggere i post di chi partecipa .... non riesco manco a leggere i post degli amici blogger .....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenute nel mio mondo fanciulle ahahahahahhahahaha
      GEnnaio se ne sta andando e speriamo che febbraio sia più decente.... polmonite di mamma, infezione al braccio a me.... è dall'epifania che triboliamo... /***/ (nda parolaccia! ahahahhahaha)

      Elimina
    2. Mi dispiace Pat. Dai che gennaio è finito!!!

      Elimina
    3. Speriamo che sia migliore.... bacio!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.