Passa ai contenuti principali

Insieme raccontiamo 29: Toc toc


Il mio problema tecnico dell'altro giorno, il fatto che io abbia involontariamente cancellato un post dal mio blog, mi ha fato posare l'attenzione sulle ultime date di pubblicazione...
Caspita ma da quanto non scrivevo un post! E i racconti di Patricia???
Lasciamo stare, che è una sacco di mesi che non completo una sua storia.

Tocca che corro ai ripari, e anche velocemente, che il termine per finire il racconto scade tra pochi, pochissimi giorni.

Le regole di Patricia le conoscete, vero? Bisogna finire il suo racconto usando 200/300 parole oppure battute.



 



 I'incipit di Patricia
Era sfinita. Stanchezza, stress, rompimento di scatole... non ne poteva più. Aveva solo voglia di riposarsi e dimenticare tutto e tutti almeno per un po'.
Si gettò sul letto al buio e fu allora che....


Il mio finale

Toc, toc toc... qualcuno stava lanciando sassi contro la sua finestra. "Ma diamine", pensò, "giusto ora che mi ero finalemnte messa a letto" Chi potrà mai essere a quest'ora!"

Toc toc. "Ho capito mi alzo!". Accese la luce, si diresse verso la finestra, aprì con cautela le persiane, che l'ultima cosa che le mancava in quella giornata era di ricevere un sasso in testa, e gridò "Chi è, di grazia che fa tutto questo baccano?".

"Che ti ho svegliato, Pat?" Sai passavo di qui e avevo voglia di vederti".
"Ma tu lo sai, vero, che hanno inventato i citofoni, i telefoni, non devi mica sfondare le finestre per attirare la mia attenzione, basta anche solo un messaggio su whatsapp!"
"Sì lo so, non volevo disturbare!!"
"Ok dai sali!"

Così Peter salì in casa e si mise a raccontare il suo strano sogno...
La notte prima si era sognato che un gigante era venuto a bussare alla sua finestra, si era fatto aprire le imposte e si era messo a raccontare una storia...

"Ma dai Peter, ma che sogni fai! Ma hai mangiato pesante ieri sera?"
"Pat, non sembrava un sogno, te lo giuro, sembrava tutto vero!"
"Già, ora mi dirai che in giro per la città c'è un gigante che su diverte a bussare alle finestre e al quale piace raccontare le storie"
...
Toc. Toc toc...

Con questo post partecipo a Insieme Raccontiamo 


Commenti

  1. Barbarella, perdona il ritardo ma ho avuto parecchi casini!!!!!
    Bellissimo!!!
    Se arrivasse un gigante a bussare alla mia finestra magari gli chiederei pure di portarmi con lui in questo momento...
    Grazie stella!
    VAdo ad aggiornare il riepilogo e mi raccomando... visto che son fusa potrebbero esserci errori Fammeli notare senza problemi
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Non per rompere, ma problemi tecnici ne hai ancora .... l'immagine di testa è sparita.
    Quanto ad I.R .... lasciamo perdere .... magari riuscirei anche a scrivere qualche finale, ma non troverei più il tempo di leggere i post di chi partecipa .... non riesco manco a leggere i post degli amici blogger .....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenute nel mio mondo fanciulle ahahahahahhahahaha
      GEnnaio se ne sta andando e speriamo che febbraio sia più decente.... polmonite di mamma, infezione al braccio a me.... è dall'epifania che triboliamo... /***/ (nda parolaccia! ahahahhahaha)

      Elimina
    2. Mi dispiace Pat. Dai che gennaio è finito!!!

      Elimina
    3. Speriamo che sia migliore.... bacio!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro