Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 33: il grande buio


Torno di nuovo a scrivere storie, anzi pr meglio dire, torno a scrivere il finale dei racconti di Patricia.
Finalmente ho tempo, finalmente mi sono ritagliata una spazio piccino anche per questo mio blog.

Vi ricordo brevemente le regole del gioco.
Patricia ogni 20 del mese pubblica l'incipit del suo racconto. Per continuare la storia si ha tempo fino al 30 dello stesso mese.
Il racconto dei partecipanti deve essere di 200/300 parole oppure di 200/300 battute.

Tutto chiaro?
Bene, allora vi racconto una storia...


Alzò gli occhi al cielo. Era diventato tutto nero d’improvviso. Quello che fino a pochi minuti prima era uno zaffiro trasparente e lucente ora pareva pece, come se qualcuno avesse rovesciato pittura nera.
Una giornata di gennaio con parecchi gradi sottozero era diventata notte di colpo.
Fu allora che….



...che si sentì un forte botto, un fragore! Era troppo buio, i suoi occhi ancora non si erano abituati all'assenza di luce e  non vedeva niente. Sentiva solo un forte odore di foglie bruciate e poi c'era tanta gente che urlava.
Non capiva cosa stesse succedendo, però non gli piaceva affatto. Aveva quella strana sensazione di curiosità mista a terrore.
Cercò, di istinto, di arrivare al comodino per prendere la torcia elettrica. Per fortuna ci riuscì al primo colpo!
Ma chissà cosa stava succedendo intorno a lui...
In un attimo, in un batter di ciglio, tornò la luce forte e accecante. Molto più forte del normale, in verità, come se ci fosse un grande faro a illuminare tutto.
Una enorme astronave era atterrata proprio davanti alla sua casa. Quasi gli veniva da ridere, a questo punto. Perchè? Perchè quello dell'astronave atterrata sul giardino di casa sua era il so sogno di bambino e quel giorno si stava avverando!
Improvvisamente scomparve la paura! La curiosità prese il sopravvento! Tante, troppe domande affollavano improvvisamente la sua testa... Cosa fare? L'astronave si aprì e ne uscì un buffo esserino dal lungo collo. Gli sembrò subito di riconoscerlo... Ma certo! Era E.T. che aveva trovato la strada per ritornare!!!




Con questo post partecipo a 


 

Commenti

  1. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH forte!!!!! Telefono casa mi mancava proprio ahahhahahahaha
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat! Un finale un po' stravagante, ma mi sono divertita un sacco!

      Elimina
  2. Ciao Barbara. Piacere di conoscerti. Il tuo finale? Molto divertente. Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ahahahhaa, tu guarda cosa mi hai tirato fuori!
    Mi sa che devo riprendere pure io a giocare con la Patri.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre sognato di conoscere ET *_*
    Voglio l'astronave anche sul mio balcone! ... :***

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…