Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 33: il grande buio


Torno di nuovo a scrivere storie, anzi pr meglio dire, torno a scrivere il finale dei racconti di Patricia.
Finalmente ho tempo, finalmente mi sono ritagliata una spazio piccino anche per questo mio blog.

Vi ricordo brevemente le regole del gioco.
Patricia ogni 20 del mese pubblica l'incipit del suo racconto. Per continuare la storia si ha tempo fino al 30 dello stesso mese.
Il racconto dei partecipanti deve essere di 200/300 parole oppure di 200/300 battute.

Tutto chiaro?
Bene, allora vi racconto una storia...


Alzò gli occhi al cielo. Era diventato tutto nero d’improvviso. Quello che fino a pochi minuti prima era uno zaffiro trasparente e lucente ora pareva pece, come se qualcuno avesse rovesciato pittura nera.
Una giornata di gennaio con parecchi gradi sottozero era diventata notte di colpo.
Fu allora che….



...che si sentì un forte botto, un fragore! Era troppo buio, i suoi occhi ancora non si erano abituati all'assenza di luce e  non vedeva niente. Sentiva solo un forte odore di foglie bruciate e poi c'era tanta gente che urlava.
Non capiva cosa stesse succedendo, però non gli piaceva affatto. Aveva quella strana sensazione di curiosità mista a terrore.
Cercò, di istinto, di arrivare al comodino per prendere la torcia elettrica. Per fortuna ci riuscì al primo colpo!
Ma chissà cosa stava succedendo intorno a lui...
In un attimo, in un batter di ciglio, tornò la luce forte e accecante. Molto più forte del normale, in verità, come se ci fosse un grande faro a illuminare tutto.
Una enorme astronave era atterrata proprio davanti alla sua casa. Quasi gli veniva da ridere, a questo punto. Perchè? Perchè quello dell'astronave atterrata sul giardino di casa sua era il so sogno di bambino e quel giorno si stava avverando!
Improvvisamente scomparve la paura! La curiosità prese il sopravvento! Tante, troppe domande affollavano improvvisamente la sua testa... Cosa fare? L'astronave si aprì e ne uscì un buffo esserino dal lungo collo. Gli sembrò subito di riconoscerlo... Ma certo! Era E.T. che aveva trovato la strada per ritornare!!!




Con questo post partecipo a 


 

Commenti

  1. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH forte!!!!! Telefono casa mi mancava proprio ahahhahahahaha
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pat! Un finale un po' stravagante, ma mi sono divertita un sacco!

      Elimina
  2. Ciao Barbara. Piacere di conoscerti. Il tuo finale? Molto divertente. Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ahahahhaa, tu guarda cosa mi hai tirato fuori!
    Mi sa che devo riprendere pure io a giocare con la Patri.

    RispondiElimina
  4. Ho sempre sognato di conoscere ET *_*
    Voglio l'astronave anche sul mio balcone! ... :***

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,