Passa ai contenuti principali

La nostra visita al Palazzo Chigi di Ariccia

Ci sono gite perfettamente pianificate, ci sono gite improvvisate e poi ci sono gite con piacevoli imprevisti!
La gita ad Ariccia rientra appieno in questa ultima tipologia di gite.
Nata con lo scopo di andare a pranzo in una delle caratteristiche Fraschette, osterie tipiche dei Castelli Romani, si è rivelata anche una bellissima gita culturale. Tutto ciò è stato possibile grazie all'ansia da parcheggio.
Non ridete! A casa mia ne siamo tutti affetti soprattutto se sappiamo che la nostra meta offre di per sé pochi posti dove lasciare la macchina.
Così siamo usciti di casa con un certo anticipo, siamo arrivati ad Ariccia praticamente per l'ora della merenda, e una volta parcheggiata comodamente la macchina abbiamo cominciato a guardarci intorno per capire come meglio poter passare il tempo.
Abbiamo visto che il portone di un grande palazzo sulla piazza principale era aperto e da lontano si intravedevano dei giardini.

Ci siamo avvicinati e abbiamo varcato la soglia di Palazzo Chigi: una sorpresa incredibile! Io non mi immaginavo neanche lontanamente che fosse aperto al pubblico, né tanto meno che le stanze fossero visitabili.
E invece sembrava che ci stessero aspettando! Siamo arrivati 5 minuti prima l'inizio della visita guidata che è terminata giusto in tempo per l'ora del pranzo!
Io non so per quale motivo, forse perché in fase preadolescenziale, ma abbiamo dovuto insistere, e non poco, per convincere l'Ometto a partecipare alla visita guidata.
Non è che non volesse entrare a Palazzo Chigi, ben'inteso, lui avrebbe voluto gironzolare per le stanze del palazzo da solo, indisturbato e sicuramente non con una guida turistica.
Insomma siamo riusciti a convincerlo e alla fine la visita è piaciuta molto anche a lui.
Palazzo Chigi rappresenta un esempio unico di dimora Barocca. Ristrutturato dal Bernini è stata, in epoca barocca, dimora dei Chigi, una delle più grandi e potenti casate papali italiane.


Avessi programmato la gita sarei arrivata armata di macchina fotografica, invece mi sono dovuta accontentare di qualche foto fatta con il cellulare.

Voi lo sapete, vero, che io sono vagamente megalomane, ma ditemi se non ho ragione quando dico che mi piacerebbe organizzare un pranzo in una sala come questa...


Con l'Ometto ci siamo divertiti a trovare particolari curiosi presenti sulle pareti.


La boule con i pesci rossi è la parte di affresco che ci è piaciuta di più, anche se altrettanto spettacolare è la scimmia intenta a mangiare la carota.


Durante la visita abbiamo attraversato stanze con arredi magnifici. Tutto il palazzo è ben conservato.


Ogni cosa è al suo posto, pronta per essere utilizzata, come se il tempo, i secoli, non fossero trascorsi.


Alla fine della visita Palazzo Chigi ci rivela ancora un ultimo, grande, prezioso disegno realizzato e firmato dal Bernini.



Così, con gli occhi colmi di bellezza, e dopo aver appagato i piaceri dello spirito, siamo andati a gustarci il nostro pranzo.

Commenti

  1. Splendido! Viva la sindrome da parcheggio allora che vi ha permesso di visitare questo gioiello! Concordo con te: anche a me piacerebbe organizzare una bella cena lì. ;-)))
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  2. L'Italia è strapiena di tesori come questo. Spesso sono proprio dietro l'angolo e manco lo sappiamo!
    Bella meta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Quattro cose belle di febbraio

Sta finendo anche febbraio e io mi ritrovo di nuovo a condividere con voi le mie #cosebelle scritte sull'apposito quadernino rosso. Uno Non si può cominciare a parlare del mese di febbraio senza ricordarci che è il mese dell'amore e di san Valentino. La prima cosa bella di questo mese per me la poesia di Prévert "i ragazzi che si amano". I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte E i passanti che passano li segnano a dito Ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno Ed è soltanto la loro ombra Che trema nel buio Suscitando la rabbia dei passanti La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno Loro sono altrove ben più lontano della notte Ben più in alto del sole Nell'abbagliante splendore del loro primo amore. Per Prévert l’Amore è l’unica salvezza del mondo: non si tratta di un amore semplice e privo di ostacoli, ma quello del poeta è un amore ricco di sfaccettature,