Passa ai contenuti principali

Muffin al cioccolato: la mia ricetta


Non mi dite che state a dieta, perché non ci credo! Non mi dite che non siete golosi, perché non credo neanche a questo. Non mi dite che i vostri figli la mattina fanno una abbondante colazione, perché se no rasentiamo veramente la fantascienza!

A casa mia ogni tanto, quel poco che l'Ometto mangia a colazione deve essere variato, perché se no si stufa e smette di volerlo.

Così ogni tanto io mi metto il grembiule da cucina e preparo dolci.

Quelli che vanno per la maggiore sono i muffin, preferibilmente al cioccolato che così li mangia anche il suo papà.

Ho scoperto con il tempo come fare a far venire una bella cupoletta e ora vi spiego il barbatrucco.

Quando riempivo i pirottini mettevo il composto sempre sotto al bordo di carta e la lievitazione non era mai sufficiente a formare la cupoletta e i miei muffin assomigliavano più a biscotti un po' cresciuti che a mini torte.

Poi ho trovato in offertissima la teglia apposita e ho deciso di fare una prova: ho riempito tutti i pirottini fino al bordo e il risultato è stato proprio quello che volevo!

Ok svelato il segreto, ora magari volete anche la ricetta, giusto? Eccola qui.

Le dosi sono per 12 muffin


INGREDIENTI:

200 gr di farina
125 gr di burro
120 gr di zucchero
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 confezione di cacao amaro in polvere (circa 70 gr)
150 ml di latte
una manciata di gocce di cioccolato fondente

PROCEDIMENTO

Sbattete le uova con lo zucchero e poi, piano piano aggiungete la farina. Intanto fate sciogliere il burro a bagnomaria.
Una volta sciolto unitelo al composto insieme al latte.
per ultimi aggiungete cacao, gocce di cioccolata e lievito per dolci.
Riempite i pirottini e infornate a 190 gradi per circa 20 minuti.
Lasciate stiepidire e poi... MANGIATELI!

Mi suggeriscono che anche l'aggiunta di panna montata sulla cima ha un suo perché!!!



Naturalmente con questo post partecipo a



C'è ancora qualche giorno per inserire i post in racoolta...vi aspetto!!!

Commenti

  1. Wowww, questa sì che sarebbe una merenda coi fiocchi. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  2. Scoperto come si forma la famosa cupoletta, sono deliziosi, brava.

    RispondiElimina
  3. Taci, problema analogo. Però finalmente adesso, dopo anni, il Pripi si è deciso a fare colazione in maniera decente.
    E proprio con dei muffin.
    Interessante ricetta, ma la tengo per la merenda. Io amo il cioccolato, la lo detesto a colazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma veramente?!?! Io lo affogo nel caffè latte

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.