Passa ai contenuti principali

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno.
L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli.
Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.

Durante la mia trasferta settembrina ad Abilmente mi sono rifornita di chalk paint rossa. Mi è stato sufficiente aprire il barattolo, mescolare bene e, munita di pennello, mi sono messa a dipingere i barattoli.
Per avere una buona copertura uniforme ho dovuto passare tre mani di vernice (qualche volta, sono arrivata a quattro mani, ma per fortuna non è capitato spesso). Tempo tre giorni e il lavoro di pittura si è esaurito.
Non ho passato la cera di finitura un po' perchè mi è sembrato un lavoro inutile, un po' perchè mi piace l'effetto del colore gessoso.
Per quanto riguarda i numeri, invece, niente di particolarmantre complicato: mi sono armata di pennarello indelebile verde e li ho scritti a mano.
Uno spago verde, per decorare, e la carta velina rossa per chiudere i barattoli e il Calendario è pronto.
Anzi, quasi pronto perchè manca che vi racconti cosa ho messo dentro i barattoli.
Girovagando nel web in cerca di idee ho trovato un calendario fantastico della Ravensburgher contenente una storia diviasa in 24 capitoli e altrettante caselline conteneti i regalini utili per completare la storia e fare qualche esperimento.
La storia narra del rapimento di Babbo Natale e delle indagimni che un Commissario e due bambini fanno per scoprire chi è il rapitore e dove ha nascosto Babbo Natale.
Io a ogni regalino ho aggiunto qualche cioccolatino e sigillato per bene i barattoli.
Devo dire che fino ad ora è un successo!!! All'Ometto piace asperttare di leggere la storia e di partecipare in modo attivo alle indagini...chissà dove avranno portato Babbo Natale!!!

Commenti

  1. Una bellissima idea replicabile anche a scuola. Complimenti a te, buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  2. Grazie Sinforosa. Buon pomeriggio anche a te!

    RispondiElimina
  3. Stupendi i barattoli anche solo vederli così e che grande idea hai trovato. Brava.

    RispondiElimina
  4. Una splendida idea Barbara. Molto belli i barattoli che contengono storia e dolcetti.
    Ne approfitto per farti tanti auguri per un Santo Natale ricco di pace e serenità.
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  5. Vengo finalmente a commentare il post, anche se il "parto" l'ho seguito in diretta.
    Bello il risultato finale!
    Pensa che io volevo fare un calendario dell'avvento con i barattolini dei liofilizzati, che ho messo da parte ormai in epoche storiche, peccato che ne ho solo 18. E già mi pareva ridicolo tenerli nell'armadio! Dovrei comprare nuovi liofilizzati per completare la raccolta, ammesso che i vasetti siano ancora quelli. Lo sai? Ci ho pensato varie volte, ma mi viene da ridereeeeeeee .....
    Vabbè. procedo con la lettura, che è quasi ora di fare un altro calendario!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa. Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma. In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più. Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Una dolce rosa...di mele

Mi è stato lanciato un guanto di sfida e io non potevo non raccoglierlo! "Guarda che belle le torte a torma di rosa. Tu le sai fare?" Ecco, giusto il tempo di un rapido giro al supermercato e mi sono messa all'opera per questo dolce semplice, veloce e da mangiare tiepido, ideale da gustare con una buona tazza di thè fumante. Unica variante rispetto alla sfida è che, anzichè fare una torta grande, ho preferito fare sei tortine ognuna delle quali risulta essere un bocciolo. Ora vi dico come ho fatto.