Passa ai contenuti principali

compiti a casa


Siamo ancora al primo anno di asilo e già arrivano i compiti a casa!!!
Il coinvolgimento della famiglia nell'attività didattica è una cosa bella, che io apprezzo perché fa capire ai bambini che scuola e casa non sono compartimenti stagni, perché noi genitori riusciamo anche a capire meglio cosa avviene in classe ... però piantare semini nell'ovatta il primo anno di asilo non me lo sarei proprio aspettato!!!!

Fra qualche settimana a scuola diventeranno tutti allegri contadini e si metteranno a sistemare l'orto (tremo già al pensiero di come mi ritornerà a casa!!!) intanto hanno fatto una lezione in classe  e hanno piantato, usando i cartoni delle uova come vasi, dei semi di mais e di girasole e ogni bambino è tornato a casa con i suoi due semini da piantare. Lo Gnomo mi ha consegnato il fardello e mi ha detto: "tieni mamma bisogna piantarli".
Io prima di dargli retta ho fatto un giro di telefonate per vedere se l'informazione risultava attendibile e sì, lo Gnomo aveva capito bene.
E ho scoperto (ho fatto la scoperta del secolo lo so!) perché da piccoli pensiamo che i nostri genitori siano onniscenti: in realtà si tratta di un ripescaggio di conoscenze!
Perché non ho messo il seme nella terra e l'ho messo nell'ovatta?
Intanto perché non avevo la terra a disposizione (e già questa come risposta può bastare!), poi perché si possono vedere le fasi della germinazione (e l'effetto magia su uno Gnomo di 3 anni è assicurato), ma soprattutto perché (con un flash visivo) mi sono ricordata che a me fecero piantare un fagliolo nell'ovata e l'esperimento riuscì.
Non tutte le ciambelle riescono con il buco, però, perché è germogliato solo il seme di girasole, mentre il seme di mais è ammuffito insieme con l'ovatta (ma non si può avere tutto, vero?)
Ora ci troviamo la sera a veder crescere la nostra piantina, che nel frattempo è diventata alta il doppio e che da ieri sera dimora in un vaso con la terra (e speriamo che duri!!!)

Commenti

  1. Che bello coinvolgere le famiglie già dalla scuola materna! Mi piace :-)
    Vedrai che diventerà una bellissima pianta. Io pianto ogni anno i girasoli e in luglio ho degli splendidi fiori sul balcone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Curiosissima di vedere i l fiore!!! Speriamo che duri!!!

      Elimina
  2. Bellissimo! Come la piantina di lenticchia che Tia ha portato a casa per Pasqua! Sta diventanto lunghissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Pasqua c'è arrivato a casa il timo ed è vivo per miracolo :-P

      Elimina
  3. Daaaaai, anche noi!!!! Il nostro fagiolo è già diventato 20cm... dici che devo trasferirlo nella terra??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me è giunta l'ora della terra!!! Attenta a non rompere le radici!!!!

      Elimina
    2. Già... domani è il grande giorno del trapianto, anche perchè prima o poi ci chiederanno di riportarlo a scuola! Grazie per il consiglio...quasi quasi gli lascio il pezzetto di cotone dove sono più attaccate!

      Elimina
  4. anche a noi lo scorso hanno hanno fatto l'orto, e quest'anno sono arrivati per le vacanze di Pasqua con una pianta di girasoli già bella cresciuta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.