Passa ai contenuti principali

Al museo di San Cassiano alla scoperta dei fossili


Non è impossibile andare al museo con i bambini. Non è vero che si annoiano e che il museo è un posto solo per le persone grandi. 


Tutto sta a come i bambini arrivano al museo: bisogna preparali prima, bisogna spiegare loro cosa si troveranno davanti bisogna illustrare la visita come una magia, come una caccia al tesoro o come un posto dove si possono trovare risposte alle nostre domande.

Questa estate per noi è stata la prima volta in un museo. Abbiamo scelto di portare lo Gnomo in un museo naturalistico che ci spiegasse cosa fossero i fossili e come si formassero. Perché parlare dei fossili a un bambino di quattro anni e mezzo? Perché in primavera lo Gnomo ha cominciato a interessarsi ai dinosauri e su un libricino c'era scritto (senza una spiegazione adeguata) che al giorno d'oggi troviamo i dinosauri sotto forma di fossili.

Abbiamo, quindi,  sfruttato l’ultima passione dello Gnomo, i dinosauri, per scoprire i fossili e l’evoluzione delle Dolomiti.

Il Museo Ladino di San Cassiano a fatto al caso nostro ed è stata una piacevole avventura.

Il museo è dedicato all’Ursus Ladinicus, l’orso preistorico delle dolomiti del quale si può vedere uno scheletro ricostruito integralmente.

Il museo illustra la storia e l’ambiente in cui visse l’orso. 
Su un piano del museo si può vedere la ricostruzione di una grotta preistorica e di un orso che dorme.




La parte che a noi ha interessato di più è stata quella relativa alla genesi delle Dolomiti. In questa sezione si possono ammirare dei fossili che aiutano a comprendere la formazione dei principali strati geologici di queste montagne.

Come mai siamo stati più interessati alle conchiglie e alle alghe fossili e non all’Ursus e al suo scheletro?
Perché lo Gnomo pensava di incontrare uno scheletro piccolino, modello giocattolo e non una montagna di ossa di più di 2 metri e mezzo di lunghezza e si è spaventato moltissimo (tanto che non voleva tenere gli occhi aperti). 

Sono rischi che si corrono a portare un bambino di quattro anni e mezzo in un museo! Ma anche questa è vita e anche queste sono esperienze.

Commenti

  1. Oddio che tenerezza! Vedi? Cerchiamo di prepararli a tutto, e poi ci sfuggono i dettagli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ci siamo anche rimasti male perché pensavamo che si potesse veramente entusiasmare! Però almeno la parte sui fossili siamo riusciti a fargliela vedere.

      Elimina
  2. Io ho portato la mia piccola al museo di storia naturale, quando aveva però 8 anni, e le è piaciuto moltissimo. Si è annoiata solo un po' nella prima parte, che è dedicata ai minerali. =)
    Ciao!
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In età scolare arrivano già di loro un po' più preparati. Però questa esperienza c'è servita quando due giorni dopo siamo andati a Bolzano (arriverà a breve un post)

      Elimina
  3. Che bello questo museo, anche a noi piace visitare luoghi di cultura :-)
    Recentemente siamo stati al Museo delle Scienze e mio figlio è impazzito di gioia!

    RispondiElimina
  4. Che bello questo museo, anche a noi piace visitare luoghi di cultura :-)
    Recentemente siamo stati al Museo delle Scienze e mio figlio è impazzito di gioia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto il tuo post. Metterò il museo di Trento nella lista delle cose da vedere!

      Elimina
    2. E io ho salvato il tuo post... chissà se un giorno non riusciremo a vedere anche questo museo!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Buon Natale

 Buon Natale a tutti!  Per concludere le pubblicazioni per questo 2021 vi lascio con una nuova decorazione per l'albero.  Quest'anno ho trovato il modo per riutilizzare centrini che, un po' rovinati, stazionavano da anni in un cassetto. I materiali occorrenti per il progetto sono veramente pochi: Pallina di plexiglass Centrino Nastro Palline rosse per decorazione Ho rivestito la pallina di plexiglass con il centrino, che ho bloccato con un nastrino. Ho poi rifinito con un fiocco blu a contrasto e le palline rosse per coprire il nodo. Io vi aspetto qui a gennaio e intanto vi auguro buone feste!