Passa ai contenuti principali

Al museo di San Cassiano alla scoperta dei fossili


Non è impossibile andare al museo con i bambini. Non è vero che si annoiano e che il museo è un posto solo per le persone grandi. 


Tutto sta a come i bambini arrivano al museo: bisogna preparali prima, bisogna spiegare loro cosa si troveranno davanti bisogna illustrare la visita come una magia, come una caccia al tesoro o come un posto dove si possono trovare risposte alle nostre domande.

Questa estate per noi è stata la prima volta in un museo. Abbiamo scelto di portare lo Gnomo in un museo naturalistico che ci spiegasse cosa fossero i fossili e come si formassero. Perché parlare dei fossili a un bambino di quattro anni e mezzo? Perché in primavera lo Gnomo ha cominciato a interessarsi ai dinosauri e su un libricino c'era scritto (senza una spiegazione adeguata) che al giorno d'oggi troviamo i dinosauri sotto forma di fossili.

Abbiamo, quindi,  sfruttato l’ultima passione dello Gnomo, i dinosauri, per scoprire i fossili e l’evoluzione delle Dolomiti.

Il Museo Ladino di San Cassiano a fatto al caso nostro ed è stata una piacevole avventura.

Il museo è dedicato all’Ursus Ladinicus, l’orso preistorico delle dolomiti del quale si può vedere uno scheletro ricostruito integralmente.

Il museo illustra la storia e l’ambiente in cui visse l’orso. 
Su un piano del museo si può vedere la ricostruzione di una grotta preistorica e di un orso che dorme.




La parte che a noi ha interessato di più è stata quella relativa alla genesi delle Dolomiti. In questa sezione si possono ammirare dei fossili che aiutano a comprendere la formazione dei principali strati geologici di queste montagne.

Come mai siamo stati più interessati alle conchiglie e alle alghe fossili e non all’Ursus e al suo scheletro?
Perché lo Gnomo pensava di incontrare uno scheletro piccolino, modello giocattolo e non una montagna di ossa di più di 2 metri e mezzo di lunghezza e si è spaventato moltissimo (tanto che non voleva tenere gli occhi aperti). 

Sono rischi che si corrono a portare un bambino di quattro anni e mezzo in un museo! Ma anche questa è vita e anche queste sono esperienze.

Commenti

  1. Oddio che tenerezza! Vedi? Cerchiamo di prepararli a tutto, e poi ci sfuggono i dettagli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ci siamo anche rimasti male perché pensavamo che si potesse veramente entusiasmare! Però almeno la parte sui fossili siamo riusciti a fargliela vedere.

      Elimina
  2. Io ho portato la mia piccola al museo di storia naturale, quando aveva però 8 anni, e le è piaciuto moltissimo. Si è annoiata solo un po' nella prima parte, che è dedicata ai minerali. =)
    Ciao!
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In età scolare arrivano già di loro un po' più preparati. Però questa esperienza c'è servita quando due giorni dopo siamo andati a Bolzano (arriverà a breve un post)

      Elimina
  3. Che bello questo museo, anche a noi piace visitare luoghi di cultura :-)
    Recentemente siamo stati al Museo delle Scienze e mio figlio è impazzito di gioia!

    RispondiElimina
  4. Che bello questo museo, anche a noi piace visitare luoghi di cultura :-)
    Recentemente siamo stati al Museo delle Scienze e mio figlio è impazzito di gioia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto il tuo post. Metterò il museo di Trento nella lista delle cose da vedere!

      Elimina
    2. E io ho salvato il tuo post... chissà se un giorno non riusciremo a vedere anche questo museo!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…