Passa ai contenuti principali

Maschera di Carnevale in cartapesta



Il grande gioco del Carnevale è il travestimento
Per qualche giorno, o solo per qualche ora, si fa finta di essere qualcun altro. Per fare ciò la cosa più veloce e comoda da fare è usare le maschere per coprire il viso.

Ne esistono di diverso tipo: alcune  coprono solo gli occhi, altre il viso intero. Tutte hanno un unico scopo: creare una illusione.


Molti sono i materiali che si possono utilizzare per fabbricare le maschere. Nella tradizione italiana è la cartapesta il principale dei materiali utilizzati.


Per produrre la cartapesta ci vuole veramente poco: basta della carta da riciclare (un vecchio quotidiano o i sacchetti del panificio), acqua, colla vinilica.


Per realizzare questo progetto occorre:
  • Cartapesta
  • Una base per maschera di plastica
  • Tempera acrilica color avorio
  • Glitter glue



Dopo aver preparato la cartapesta, quest va poggiata sulla base in plastica fino a ricoprirla completamente (lasciando naturalmente le fessure degli occhi e della bocca.




Il tempo di asciugatura della cartapesta è di tre giorni. Trascorso questo tempo si può procedere alla pittura della maschera.

In questo caso,volendo fare la maschera della luna ho utilizzato la tempera color avorio.


Dopo aver fatto asciugare la tempera , si può rifinire la maschera come meglio si crede. In questo caso ho usato una glitter glue di due differenti blu.



Vi Annuncio che il tema per tutto il mese di Febbraio per Ispirazioni&Co è IL CIRCO!
Aspettiamo i vostri contributi!!! Potete inserire i vostri link da Fabiola
<!--[if gte mso 9]>
Linky Party 2015

Commenti

  1. Che bella idea!!
    Complimenti per la maschera e grazie per le istruzioni!!

    buon weekend
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  2. Ma sei veramente brava. Ciao

    RispondiElimina
  3. Questa maschera mi intriga moltissimo! Ci voglio provare.
    Molto bella questa versione un pò veneziana?
    Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi voglio vedere il risultato...lo sai vero???

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Esperimenti creativi: la diamond painting

Ciao! Avete passato bene le vacanze estive? Prima di raccontarvi come ho trascorso le mie vi volevo mostrare questa tela realizzata con la tecnica della diamond painting e terminata poco prima dell'arrivo delle vacanze. Faccio un passo indietro e vi racconto del perché abbia fatto la follia di cominciare (e poi di concludere) un lavoro del genere.