Passa ai contenuti principali

Maschera di Carnevale in cartapesta



Il grande gioco del Carnevale è il travestimento
Per qualche giorno, o solo per qualche ora, si fa finta di essere qualcun altro. Per fare ciò la cosa più veloce e comoda da fare è usare le maschere per coprire il viso.

Ne esistono di diverso tipo: alcune  coprono solo gli occhi, altre il viso intero. Tutte hanno un unico scopo: creare una illusione.


Molti sono i materiali che si possono utilizzare per fabbricare le maschere. Nella tradizione italiana è la cartapesta il principale dei materiali utilizzati.


Per produrre la cartapesta ci vuole veramente poco: basta della carta da riciclare (un vecchio quotidiano o i sacchetti del panificio), acqua, colla vinilica.


Per realizzare questo progetto occorre:
  • Cartapesta
  • Una base per maschera di plastica
  • Tempera acrilica color avorio
  • Glitter glue



Dopo aver preparato la cartapesta, quest va poggiata sulla base in plastica fino a ricoprirla completamente (lasciando naturalmente le fessure degli occhi e della bocca.




Il tempo di asciugatura della cartapesta è di tre giorni. Trascorso questo tempo si può procedere alla pittura della maschera.

In questo caso,volendo fare la maschera della luna ho utilizzato la tempera color avorio.


Dopo aver fatto asciugare la tempera , si può rifinire la maschera come meglio si crede. In questo caso ho usato una glitter glue di due differenti blu.



Vi Annuncio che il tema per tutto il mese di Febbraio per Ispirazioni&Co è IL CIRCO!
Aspettiamo i vostri contributi!!! Potete inserire i vostri link da Fabiola
<!--[if gte mso 9]>
Linky Party 2015

Commenti

  1. Che bella idea!!
    Complimenti per la maschera e grazie per le istruzioni!!

    buon weekend
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
  2. Ma sei veramente brava. Ciao

    RispondiElimina
  3. Questa maschera mi intriga moltissimo! Ci voglio provare.
    Molto bella questa versione un pò veneziana?
    Un bacio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi voglio vedere il risultato...lo sai vero???

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.