Passa ai contenuti principali

Terrario fai da te riciclando un vecchio bicchiere di vetro


L'idea di realizzare un terrario in casa mi ha sempre affascinato! Sarà per la mia predisposizione a far morire le piante di ogni genere, fino a oggi era rimasto solo un desiderio!

C'è da dire che le sfide mi piacciono e la possibilità di realizzarne uno piccino e con una minuscola spesa a fatto sì che mi buttassi nell'impresa!




Il bicchiere arriva dalla dispensa della casa di campagna ultimo di una gloriosa stirpe di un servizio degli anni '70.

A me è bastato munirmi di un po' di sassi e di una piccola succulenta facilmente gestibile perché non dotata di spine appuntite.

Ho messo qualche sasso sul fondo del bicchiere, ho tolto la pianta da vaso e l'ho messa nel bicchiere. Ho ricoperto, poi la terra con qualche piccolo sasso.

Non ho usato i carboni attivi tra i sassi e la terra perché è una pianta che non va innaffiata, ma basta nebulizzare un po' d'acqua sulle foglie.

Questo terrario resisterà al mio pollice nero? La piantina riuscirà a superare l'estate?

Io considero questo terrario un esperimento... dovesse funzionare... proverò di nuovo!!!

Linky Party C'e' Crisi



Commenti

  1. Questa idea mi piace moltissimo, ma senza terra la pianta veramente vive?Solo con i sassi?Questo è un modo interessante anche per riciclare i mille bicchieri che ho sparsi per casa. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La terra c'è! Ho lasciato quella che aveva nel vaso senza aggiungerne altra. Pensa che carini come segnaposto magari con i bicchieri piccoli!!!

      Elimina
    2. Questa idea mi piace da morire, decoro la casa di mia madre che ha bicchieri spaiati e molto carini, poi faccio le foto e le pubblico così vedi cosa ho combinato dalla tua idea

      Elimina
    3. Benissimo!!! Le aspetto!!!

      Elimina
  2. Ma certo che ce la farai! =))
    Dani

    RispondiElimina
  3. ciao, arrivo dal LP di Alex,
    che bello il tuo blog!
    L'idea del terrario nel vecchio bicchiere mi piace molto!
    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Arrivo dal 100° Linky Party di Alex!
    Carinissima questa idea!
    Piacere di essere passata a trovarti! :)
    Michela di www.creareregali.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. Carinissimo! Ce la puoi fare, sono piantine piuttosto facili da gestire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono riuscita a sterminare anche le piante grasse o_O

      Elimina
  6. Bellissimo!
    Anch'io adoro i terrari ed anche a me muoiono tutte le piante, adesso mia madre è in vacanza e nell'ordine le ho fatto morire : un pinetto, il basilico, una pianta di peperoncini, la salvia e la rucola!
    Forse è meglio che se lo faccio ci metta le piante finte!
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti saprò dire! Mia mamma mi lascia in gestione le sue piante nel mese di luglio. L'anno scorso a piovuto sempre e non ho avuto problemi... quest'anno chissà!!!

      Elimina
  7. Ciao! ad un anno di distanza come sta la tua splendida piantina!?? ha resistito al pollice nero!!!
    Ciao Lisa

    RispondiElimina
  8. Ahahah, mi chiedevo la stessa cosa di Lisa, come sta la tua piantina?

    RispondiElimina
  9. Ho un bicchiere molto simile al tuo XD Ho fatto questo esperimento pure io e la piantina è cresciuta bene, anche se non riesce a svilupparsi molto per via delle dimensioni del contenitore..

    RispondiElimina
  10. Ancora campa... non lo avrei mai detto eppure ha resistito alle mie amorevoli cure!!!

    RispondiElimina
  11. Ecco l'idea giusta per arredare la scrivania dell'ufficio!!! Mi piace troppo, bravissima e temeraria ;-D
    Un abbraccio ♡♡♡

    RispondiElimina
  12. Mi piacciono molto i terrari e questo è davvero una bella idea!

    RispondiElimina
  13. AHAHAH anch'io vedo terrrari ovunque: vecchie tazzine del caffè, vasi rotti e vogliamo parlare dei vasetti dello yogurt??? Verrebbe fuori un grande giardino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al vasetto dello yogurt non sono ancora arrivata!!!

      Elimina
  14. Bellissimo!
    Io scommetto che riuscirai a sconfiggere il pollice nero!

    @ pinkg: Bella idea portarla in ufficio ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…