Passa ai contenuti principali

ISPIRAZIONI & CO - i quattro elementi 4 - terra - vaso di terracotta


Dopo l'acqua, il fuoco, l'aria manca solo la terra per per chiudere il cerchio. Tocca a me sporcarmi le mani, pasticciare, creare con la terra.

Quando abbiamo pensato di dividerci tra di noi gli elementi io ho detto "bene tanto già so cosa fare"... un progetto impensabile, troppo rischiosa e incerta la sua riuscita ... ho dovuto pensare ad altro.

Per fortuna che mi è venuto in soccorso mio figlio che mi ha chiesto di giocare con il vasaio e, a quel punto, la scintilla è scoccata.



Abbiamo preso il vasaio il panetto di terracotta e... Prima di continuare voglio sapere quanti di voi hanno pianto guardando Ghost. Ve la ricordate la ricordate la scena della creazione del vaso?


Ecco, utilizzare il vasaio non è così semplice come sembra. E' un anno che facciamo prove e tentativi e questa l'unica cosa decente che siamo riusciti a fare e che posso pubblicare.

Insomma è bastato un minimo di organizzazione degli spazi e ci siamo messi all'opera.



Abbiamo modellato, giocato, sperimentato, reimpastato. Ci sono diventate le mani rosse e appiccicose. Abbiamo sporcato la tovaglia e ci mancava poco che spiaccicavamo tutto sul muro (bianco) della cucina ("mamma pensa che risate se non avessi ripreso in tempo il vaso").




Quando il risultato è stato soddisfacente abbiamo spento il vasaio, ho delicatamente staccato il vaso dalla base rotante e ho cercato di rendere omogenei i bordi.

i manici del vaso sono saltati subito saltati via!
Ho lasciato asciugare bene per qualche giorno. Il lavoro non era ncora finito, occorreva, per realizzare il mio  progetto, cercare di impermeabilizzare il vaso. L'ho fatto spennellandolo di vernice protettiva che di solito uso per i lavori a decoupage.

Ho aspettato che anche la vernice si asciugasse e sono poi passata all'ultima fase.

Sono andata dal fioraio e ho comprato una piccola pianta succulenta (che ha bisogno di pochissima acqua). L'ho tolta dal suo vaso di plastica e l'ho adagiata in quello di terracotta. Ho riempito gli spazi vuoti con un po' di terra, che ho poi bagnato con pochissima acqua.



Questa è la mia ispirazione, la terra che raccoglie e custodisce la vita.



Tocca a me, questo mese, tirare le fila delle nostre e delle vostre ispirazioni. Ebbene io non posso fare altro che ringraziarvi tutti. Qundo, un anno fa abbiamo cominciato a pensare e a lavorare a questo progetto era esattamente così che ce lo immaginavamo: un pretesto, una scintilla pronta a generane di altre. Noi non volevamo creare raccolte di "lavoretti" noi volevamo raccogliete idee, emozioni, parole. Siamo riusciti nell'intento grazie a tutti voi e io sono felicissima.

Ora io vi ricoprdo che avete ancora un sacco di tempo per inserire i vostri link in raccolta. Martedì prossimo vi consiglio di passare a salutare Fabiola per leggere il suo post, che, ne sono sicura, sarà bellissimo!



Commenti

  1. Ma vabbéééééééé, ACCIDENTACCIO!!!!!, tu non puoi fare di queste cose, Barby!!!!!
    La scena del vaso di primo mattino è una botta mica da ridere.
    Ma non ci pensi a noi, povere anime facilmente emozionabili??????
    Quasi svengo nel caffelatte, miseria.
    Ok, ok, lacrimuccia spuntata, lo ammetto.
    In ogni caso, mia cara, bellissima ispirazione. Davvero!!!!!
    E perfetta conclusione del tema del mese: Ispirazioni ora è veramente come l'avevamo progettato.
    Curiosa pure io di leggere l'approfondimento di Fabiola, chissà che ci combina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mica solo una prerogativa tua far cadere la gente dalle sedie!!! Anche io sono curiosissima di leggere il post della prossima settimana.

      Elimina
  2. Ma chi se la scorda quella scena ...poi Lui in quella scena era ancora in carne e ossa .... vabbè mi devo contenere ma rido come una mmatta ,,,,la tua creazione però Barbara è una cosa fantastica bello anche vedere quelle manine che ti hanno aiutato ... e magnifico il progetto ... la terra che contiene la vita ... hai colto tutti i componenti...
    complimenti di cuore
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi! A casa mia qualcuno si sta ancora chiedendo del perché abbia voluto regalare a mio figlio un tornio ;)

      Elimina
  3. La scena di Ghost è bellissima *__*
    In ogni caso il vasetto è riuscitissimo, amo le piantine come quella, quando finalmente mi trasferirò ne comprerò un sacco :)
    E mi piace anche l'idea del vaso dal colore neutro, semplice :)
    Bello ;)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacciono molto. Io non sono brava a colorare, usando il colore il rischio era quello di rovinare tutto.

      Elimina
  4. Mi hai fatto venire voglia di provare a giocare con il vasaio, mai provato.
    Sono sicura che deve essere bellissimo "sporcarsi le mani".
    Che bel post hai scritto! Emozione anche nel rivedere ghost!
    Brava come sempre Barbara!

    RispondiElimina
  5. Penso che tutti conoscano il vasaio proprio grazie a Ghost :D
    Deve essere divertentissimo e mi piacerebbe provare questa tecnica, tanto le mani me le sporco già a sufficienza con i colori ;)
    Bello il tuo progetto!
    Un caro saluto.
    Marina

    RispondiElimina
  6. Questo progetto mi piace molto!!!
    Mary

    RispondiElimina
  7. La terra.... nutrimento per la vita tutta!
    Bel post!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo questo gioco. Ti voglio chiedere però, ma non lo porti a cuocere? E' una terra particolare? Comunque bellissimo. Ciaoooooo Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela. Non l'ho portato a cuocere l'ho solo lasciato asciugare. Ho usato il panetto contenuto nella confezione del vasaio, ma ho provato anche con il Das e il risultato è lo stesso.

      Elimina
  9. Mi lasci tentare pure io da questo gioco! Immagino non sia facilissimo riuscire a tirar fuori un vaso delizioso come il tuo. Per questo doppiamente bravi tu e il tuo ometto! Post emozionante e bellissimo progetto comare <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è facile però, se non hai paura di sporcare e di sporcarti è anche molto divertente.

      Elimina
  10. Bella l'idea della terra che contiene la vita Barbara.
    E bello il vasetto fatto assieme al tuo cucciolo!
    Non sarà perfetto ma è proprio questa la sua bellezza!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…