Passa ai contenuti principali

ISPIRAZIONI & CO - SHINING 3 - Il barattolo della calma


E' bello il nuovo tema di Ispirazioni scelto da Federica. sono stata entusiasta quando ce lo ha comunicato. Poi, dopo l'entusiasmo è arrivata anche la perplessità ... "e ora cosa mi invento che l'unica cosa che mi viene in mente pensando a Shinig è il film di Kubric?"

Beh il mio lavoro è cominciato dal vocabolario Inglese - Italiano. Insomma cosa diavolo vuol dire "shining" ... per poter reinterpretare bisogna prima di tutto conoscere a fondo il punto di partenza.

Eccola qui la definizione del vocabolario:
  risplendente, brillante; luminoso 
Come fare, allora, per creare qualche cosa di brillante, risplendente e io aggiungo anche sbrilluccicoso?

Dopo un giretto sul web e un rapido sguardo al materiale a mia disposizione e l'idea è stata chiara: ho provato a costruire un barattolo della calma.

Questo barattolo sbrilluccicante si ispira al Metodo Montessori. E' un oggetto affascinante che attira l'attenzione del bambino riportandolo quindi alla calma. Il bambino è attratto dal luccichio delle paillettes e supera il momento critico dell'agitazione.

Una magia che ho sperimentato non funzionare sui bambini di 7 anni che giocano a prendersi a cuscinate (c'ho provato, lo ammetto) che però su di me ha avuto un fascino ipnotico anche dovuto al fatto che io non riesco a vedere il film di Kubric senza andare in ansia anche se so esattamente come finisce (anzi a dirla tutta questo film lo so a memoria!).

Fate uno sforzo di immaginazione: pensatemi davanti alla tv che trasmette Shining con il barattolo della calma in mano e capirete fino in fondo la mia ispirazione.

Se non avete mai visto il film vi lascio la scena che a me piace di più.



Ora, però, vi dico come ho fatto a costruire uno di questi barattoli. Vedrete è semplicissimo e non c'è bisogno neanche di tanti ingredienti.

Materiali occorrenti:
 
Una volta reperiti tutti gli ingredienti possiamo passare alla fase della realizzazione.
Riempiamo il barattolo di acqua e coloriamola con il colorante alimentare.


Versiamo nel barattolo la colla glitter (io ho deciso di rimanere sui toni del blu).


In ultimo ho aggiunto le stelline colorate (prima poche, poi ho deciso che il  mio barattolo doveva essere pieno di stelle cadenti e allora ho svuotato tutto il barattolino).


Dopo aver messo tutti gli ingredienti nel barattolo non mi è rimasto altro da fare che scuotere e ammirare la pioggia di brillantini.


Lasciatevi ispirare da Shining, lasciate qui il link con la vostra ispirazione. Io vi do appuntamento a martedì prossimo sul blog di Fabiola.



Commenti

  1. Cara Barbara ... anch'io come te ho avuto sempre timore nel vedere questo film ... mi spaventava ... quindi nelle scene che più mi impressionavano cambiavo canale per poi ritornare a guardarlo ...poi qualcosa mi ha convinta che una pellicola non può arrecarci alcun male così ho vinto piano piano le mie paure e sono riuscita a guardare tutti i film anche quelli più impressionanti di questo .... .... e ora veniamo alla tua creazione ... complimenti è davvero bellissima sbriluccicosa e very very shining .....!!! un idea bellissima anche per alloggiarvi una candelina togliendo l'acqua ...sarà come avere ... un cielo in una stanza .... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi... penserò anche alla versione senza acqua, promesso!

      Elimina
  2. Ma che bella idea e perfetta realizzazione... Brava Barbara... io adoro quella palle con la neve dentro.... starei delle ore come un "pirla" fissare la neve che scende..... Questo con le stelline e' veramente d'effetto... Ottimo Shining :-)

    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lupo. Il principio delle palle di neve è lo stesso: acqua + brillantini!

      Elimina
  3. Che magia questo barattolo Barby! Bellissimo anche il colore blu che hai scelto! Mi piace, se funziona quasi quasi me ne faccio uno per l'ufficio ;-D
    In quanto al film lo adoro, visto e rivisto...è un brivido garantito!
    Bellissimo progetto!
    Baci comare <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su di me funziona... ;) Aspetto con curiosità martedì prossimo con la tua ispirazione. Baci!!!

      Elimina
  4. Bellissima!!! Sarebbe u'ottima idea per un pensierino a mia figlia. Ne ha un mucchio ma non così!

    ps chiedo scusa a te e a tutti ma quel coso che avete in fondo al post... add your link... io no buona a mettere!!!! :))))
    Partecièo volentieri ma non chiedetemi di fare quelle così lì.. add your link intendo eh...... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia! Non ti preoccupare ci possiamo pensare noi ad aggiungere i tuoi link!

      Elimina
  5. Originale questa idea sberluccicosa, brava Barbara!
    Non sapevo che avesse proprietà calmanti per i piccoli, sicuramente mi piacerebbe molto averlo sul mio comodino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti Rosalba, ora è proprio sul mio comodino!

      Elimina
  6. Vabbè che sono indietro con i commenti, ma mi spieghi come non ho lasciato la firma su questo???
    Eppur l'ho letto ...
    Ti dirò, è anche bello ritornare sui "vecchi" post. Si rinnova la scoperta.
    E tu sempre fantasiosa!

    RispondiElimina
  7. CApita, Federica spesso anche a me... Grazie per essere passata di nuovo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…