Passa ai contenuti principali

ISPIRAZIONI & CO - SHINING 3 - Il barattolo della calma


E' bello il nuovo tema di Ispirazioni scelto da Federica. sono stata entusiasta quando ce lo ha comunicato. Poi, dopo l'entusiasmo è arrivata anche la perplessità ... "e ora cosa mi invento che l'unica cosa che mi viene in mente pensando a Shinig è il film di Kubric?"

Beh il mio lavoro è cominciato dal vocabolario Inglese - Italiano. Insomma cosa diavolo vuol dire "shining" ... per poter reinterpretare bisogna prima di tutto conoscere a fondo il punto di partenza.

Eccola qui la definizione del vocabolario:
  risplendente, brillante; luminoso 
Come fare, allora, per creare qualche cosa di brillante, risplendente e io aggiungo anche sbrilluccicoso?

Dopo un giretto sul web e un rapido sguardo al materiale a mia disposizione e l'idea è stata chiara: ho provato a costruire un barattolo della calma.

Questo barattolo sbrilluccicante si ispira al Metodo Montessori. E' un oggetto affascinante che attira l'attenzione del bambino riportandolo quindi alla calma. Il bambino è attratto dal luccichio delle paillettes e supera il momento critico dell'agitazione.

Una magia che ho sperimentato non funzionare sui bambini di 7 anni che giocano a prendersi a cuscinate (c'ho provato, lo ammetto) che però su di me ha avuto un fascino ipnotico anche dovuto al fatto che io non riesco a vedere il film di Kubric senza andare in ansia anche se so esattamente come finisce (anzi a dirla tutta questo film lo so a memoria!).

Fate uno sforzo di immaginazione: pensatemi davanti alla tv che trasmette Shining con il barattolo della calma in mano e capirete fino in fondo la mia ispirazione.

Se non avete mai visto il film vi lascio la scena che a me piace di più.



Ora, però, vi dico come ho fatto a costruire uno di questi barattoli. Vedrete è semplicissimo e non c'è bisogno neanche di tanti ingredienti.

Materiali occorrenti:

Una volta reperiti tutti gli ingredienti possiamo passare alla fase della realizzazione.
Riempiamo il barattolo di acqua e coloriamola con il colorante alimentare.


Versiamo nel barattolo la colla glitter (io ho deciso di rimanere sui toni del blu).


In ultimo ho aggiunto le stelline colorate (prima poche, poi ho deciso che il  mio barattolo doveva essere pieno di stelle cadenti e allora ho svuotato tutto il barattolino).


Dopo aver messo tutti gli ingredienti nel barattolo non mi è rimasto altro da fare che scuotere e ammirare la pioggia di brillantini.


Lasciatevi ispirare da Shining, lasciate qui il link con la vostra ispirazione. Io vi do appuntamento a martedì prossimo sul blog di Fabiola.



Commenti

  1. Cara Barbara ... anch'io come te ho avuto sempre timore nel vedere questo film ... mi spaventava ... quindi nelle scene che più mi impressionavano cambiavo canale per poi ritornare a guardarlo ...poi qualcosa mi ha convinta che una pellicola non può arrecarci alcun male così ho vinto piano piano le mie paure e sono riuscita a guardare tutti i film anche quelli più impressionanti di questo .... .... e ora veniamo alla tua creazione ... complimenti è davvero bellissima sbriluccicosa e very very shining .....!!! un idea bellissima anche per alloggiarvi una candelina togliendo l'acqua ...sarà come avere ... un cielo in una stanza .... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi... penserò anche alla versione senza acqua, promesso!

      Elimina
  2. Ma che bella idea e perfetta realizzazione... Brava Barbara... io adoro quella palle con la neve dentro.... starei delle ore come un "pirla" fissare la neve che scende..... Questo con le stelline e' veramente d'effetto... Ottimo Shining :-)

    Il Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lupo. Il principio delle palle di neve è lo stesso: acqua + brillantini!

      Elimina
  3. Che magia questo barattolo Barby! Bellissimo anche il colore blu che hai scelto! Mi piace, se funziona quasi quasi me ne faccio uno per l'ufficio ;-D
    In quanto al film lo adoro, visto e rivisto...è un brivido garantito!
    Bellissimo progetto!
    Baci comare <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su di me funziona... ;) Aspetto con curiosità martedì prossimo con la tua ispirazione. Baci!!!

      Elimina
  4. Bellissima!!! Sarebbe u'ottima idea per un pensierino a mia figlia. Ne ha un mucchio ma non così!

    ps chiedo scusa a te e a tutti ma quel coso che avete in fondo al post... add your link... io no buona a mettere!!!! :))))
    Partecièo volentieri ma non chiedetemi di fare quelle così lì.. add your link intendo eh...... :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia! Non ti preoccupare ci possiamo pensare noi ad aggiungere i tuoi link!

      Elimina
  5. Originale questa idea sberluccicosa, brava Barbara!
    Non sapevo che avesse proprietà calmanti per i piccoli, sicuramente mi piacerebbe molto averlo sul mio comodino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti Rosalba, ora è proprio sul mio comodino!

      Elimina
  6. Vabbè che sono indietro con i commenti, ma mi spieghi come non ho lasciato la firma su questo???
    Eppur l'ho letto ...
    Ti dirò, è anche bello ritornare sui "vecchi" post. Si rinnova la scoperta.
    E tu sempre fantasiosa!

    RispondiElimina
  7. CApita, Federica spesso anche a me... Grazie per essere passata di nuovo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro