Passa ai contenuti principali

#ispirazioninfiera incontra due artiste del riciclo: intervista a Martina e Nicoletta di Only Pet


Accanto all'atelier dell'Arteterapia ho trovato quello dedicato al riciclo creativo con il festival Riscarti

Nello spazio di Riscarti ho incontrato Martina e Nicoletta del blog Only Pet che tenevano i laboratori creativi di riciclo.
Cosa si può realizzare con qualche bottiglia di plastica colorata, tanta fantasia, tanta pazienza e una fonte di calore?
Venite a scoprirlo qui!

Questo post partecipa a

Commenti

  1. Che belle che sono queste donne. La foto di mamma e figlia insieme è dolcissima.
    Si vede quanto amore e passione mettono nei loro lavori.
    Bravissime loro e bel post Barbara, brava comare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente bravissime, Rosalba! E molto bello anche il loro progetto.

      Elimina
  2. Davvero interessante. Speriamo che il messaggio che mandano sia recepito da più gente possibile. Brave, brave, brave! E brava tu che le hai intervistate :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brave e carine loro a prestarsi a essere intervistate da me!

      Elimina
  3. Ottimo post, Barbara, anche se non si può dire che tu non ti sia mossa nel tuo elemento naturale!
    Ammirevole l'impegno di Martina e Nicoletta a favore del riciclo.
    Bella la loro idea di creatività.
    Da tenere d'occhio senza dubbio Riscarti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti con il riciclo gioco in casa! Senza dubbio da tenere d'occhio Riscarti e tutto ciò che riciclo creativo.

      Elimina
  4. Mooolto interessante Riscarti! e Bravissime Martina e Nicoletta!
    Saper guardare un oggetto al di la della sua funzione "primaria" e vedere le infinite possibilità in cui può trasformarsi è una straordinaria capacità!
    Bellissimo incontro <3 <3 <3

    RispondiElimina
  5. È incredibile cosa riescono a fare Martina e Nicoletta con le bottiglie di plastica... Non conoscevo questo festival. Grazie mille per l'intervista le seguirò su Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sembra neanche più plastica! Mi fa piacere sapere che le seguirai!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per

Esperimenti creativi: la diamond painting

Ciao! Avete passato bene le vacanze estive? Prima di raccontarvi come ho trascorso le mie vi volevo mostrare questa tela realizzata con la tecnica della diamond painting e terminata poco prima dell'arrivo delle vacanze. Faccio un passo indietro e vi racconto del perché abbia fatto la follia di cominciare (e poi di concludere) un lavoro del genere.