Passa ai contenuti principali

Handmade Valentine 2016 - un bouquet di fiori di pizzo

Qualche anno fa, in vacanza, ho conosciuto la signora Anna che per come lavoro faceva fiori di stoffa per i vestiti di alta sartoria. Pensate che io mi sia fatta scappare l'occasione di parlare con lei e di farmi spiegare un po' di cose? Assolutamente no!

L'ho invitata nella mia veranda a prendere un caffè e, facendole un po' di domande, ho cercato di imparare un po' di questa arte meravigliosa e affascinante. Certo essere in campeggio senza i ferri del mestiere non aiuta! Però la signora Anna, qualche cosa me l'ha insegnata.

Mi ha insegnato, ad esempio, a far evitare che il il tessuto del petalo si sfilacci (ma questa cosa ancora non ho provato a farla).

Mi ha svelato, però, l'uovo di colombo! Mi ha detto di prendere un pezzo di pizzo e di osservarlo bene. Se nel pizzo (come nella maggior parte dei casi è) ci sono dei fiori, allora abbiamo già tutto: basta ritagliare il fiore e aggiungere il pistillo e il gambo, se i fiori sono grandi e se vogliamo come risultato un fiore più sostenuto, basta inamidare un po' il merletto.

Io ho provato a usare questa tecnica per S. Valentino, perché mi piace apparecchiare con dei fiori rossi come centrotavola, ma non mi piacciono molto i fiori recisi, che dopo qualche giorno sono destinati a morire.



Ora vi spiego meglio come ho fatto a realizzare questo bouquet.

Facciamo le cose per bene e cominciamo dai materiali occorrenti:

  • merletto rosso con motivo floreale
  • perle
  • fil di ferro
  • forbicine
  • colla a caldo
Per prima cosa recuperiamo dalla nostra scatola magica (io lo so, tutte ne abbiamo una!) del pizzo.



 E cominciamo a ritagliare i nostri fiori. Io dal poco pizzo che avevo a disposizione sono riuscita a recuperarne nove.

 

Poi bisogna creare i gambi. Per fare ciò ho tagliato il fil di ferro a una lunghezza di circa 20 centimetri.
Ora siamo pronte per realizzare i nostri fiori. Buchiamo il centro del fiore  il centro con il fil di ferro e inseriamo la perla al posto del pistillo.

 

Ho ripetuto questa operazione per tutti e nove i fiori.



Per evitare che il pizzo scenda giù lungo il fil di ferro e per dare grazia al fiore stesso, bisogna incollare il pizzo alla perla con una goccia di colla a caldo.

Per finire, creiamo il nostro bouquet.


 

Poiché questo sarà il centro tavola per la cena di S. Valentino, l'ho messo dentro al vasetto di cristallo blu comprato a Praga durante il viaggio di nozze.


 
Con questo post partecipo a #handmadevalentine20016 insieme alle amiche blogger del gruppo di The Creative Factory. Vi invito, come sempre, a passare a vedere i loro meravigliosi lavori.

 

Commenti

  1. Hai ragione, l'uovo di Colombo! Ma come succede spesso, non vediamo quello che abbiamo sotto al naso se qualche altra persona non ce la fa notare...il risultato sono dei fiorellini molto delicati ed eleganti!

    RispondiElimina
  2. Grazie dei suggerimenti, sono stati veramente utili, non ci avevo mai pensato.
    Andrò a vedere cosa trovo nella mia scatola magica (sì, ne ho una anch'io ovviamente)
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  3. Sono della stessa idea: niente fiori recisi...a meno che non si tratti di fiori di erbe aromatiche.
    Brava, hai colto l'occasione ed hai fatto bene! Sono un centrotavola da copiare!

    RispondiElimina
  4. Bella l'idea del bouquet, si può usare per decorare tutta la casa e sono anche curiosa di conoscere gli altri segreti che ti ha svelato ;-)
    A presto Licia

    RispondiElimina
  5. Che idea geniale! Ad una prima occhiata non avevo capito che fossero fiori di pizzo!

    RispondiElimina
  6. Stupendi! Adoro il pizzo, elegante e raffinato per ogni occasione! Grazie di averci svelato e condiviso questi segreti!
    Un abbraccio
    Sy

    RispondiElimina
  7. Brava e a costo zero, poi durano a lungo e sono molto graziosi.

    RispondiElimina
  8. ma dai! che bellissima realizzazione! declinabile in tanti meravigliosi progetti!

    RispondiElimina
  9. Bellissimi!! Un'idea magnifica per decorare la casa, i vestiti e per tante altre creazioni

    RispondiElimina
  10. Ciao Barbara, e' una vita che non faccio campeggio ma non mi stupisco delle fantastiche persone che si possono incontrare. Bellissimo bouquet hai appreso molto bene questa tecnica. Devo dire che i progetti della raccolta sono belli e vari. Baci Rob

    RispondiElimina
  11. Bellissimi! Grazie di aver condiviso questi suggerimenti, ne farò tesoro e chissà che dalla mia scatola magica non esca qualche scapolo di pizzo.

    RispondiElimina
  12. Davvero belli e con poco lavoro, fantastico!

    RispondiElimina
  13. Che bella idea, una decorazione delicata e molto signorile. Da usare anche per altre occasioni. Un bacio, Vale

    RispondiElimina
  14. No, davvero!?!? bastava ritagliare il pizzo!!! Grazie per le dritte e complimenti per il tuo bouquet, bellissimo ed elegante

    RispondiElimina
  15. Mh queste notizie sono molto interessanti... ^_^ Certo che sarebbe bello fare un bouquet tutto con i fiori di stoffa...rimarrà benissimo per sempre...^_^
    Bellissimo!
    :*

    RispondiElimina
  16. Mi piacciono tantissimo. Sai non ci avevo mai pensato. Bellissimo centrotavola per la tua cena di San Valentino!
    Un bacione
    Sara

    RispondiElimina
  17. Molto carino e una buona idea quella di ritagliare il pizzo in questo modo.
    Ciao
    Maris

    RispondiElimina
  18. Sono davvero super chic questi fiori. Neanche io ci avevo mai pensato. Per San Valentino sono un po' in ritardo si potrebbe fare anche un bel bouquet nei colori primaverili o usarne uno solo per decorare un pacchetto regalo. Un saluto

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…