Passa ai contenuti principali

Restyling di un tavolino anni '70


Ci sono progetti, grandi o piccoli ha poca importanza, per i quali bisogno pensare e ripensare, studiare e pensare a ogni piccolo aspetto prima di lanciarsi nella loro realizzazione.
Ci sono poi, degli oggetti che si hanno in casa da anni e che sono da sempre rovinati e quasi non ci si fa più caso fino al giorno in cui ci si accorge che fossero meno rovinati sarebbero senza dubbio più belli.
Capita poi che girovagando per il web si incappi in una vernice gessosa facile (abbastanza) da stendere e che praticamente attacca su tutte le superfici anche senza passare una base di aggrappante.

E allora ogni tassello finisce nel posto giusto, ogni progetto prende la giusta strada e allora occorre solo reperire i materiali e mettersi all'opera.
Questa è un po' la storia che sta dietro a questo tavolino, ma è anche la storia di un progetto decisamente più grande e impegnativo che riguarda la casa di campagna e per il quale dovrò aspettare la primavera.
Tornando al tavolino ora vi spiego bene cosa ho combinato.
Galeotto fu l'incontro con le vernici Colorchic e con la pagina facebook La Bottega del Tarlo e del Decoro. Praticamente è stato amore a prima vista!
L'impulso sarebbe stato quello di acquistare tutto tramite internet, ma ho respirato a fondo e ho aspettato Abilmente Roma per poter fare i miei acquisti e per chiedere qualche indispensabile consiglio.
Così ho acquistato sia la vernice per questo lavoro, sia quella per il progetto più grande e ambizioso.
la voglia di mettermi al lavoro e la curiosità di vedere il risultato finale hanno fatto sì che mi dimenticassi di fare la foto del prima ma vi assicuro che le zampe del tavolino erano veramente molto rovinate e la vernice ha coperto benissimo ogni imperfezione.
Ah naturalmente, fatto il tavolino, ho cominciato a pensare a tantissimi altri progetti. Ho ancora qualche mobile al quale mi piacerebbe cambiare aspetto.
Che dite procedo?

Commenti

  1. Prima non so come fosse, ma visto così è bello e la vernice da un pò di anticato comunque. Procedi pure. Buon week-end. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima aveva le zampe rovinate dall'acqua. Ok procedo!

      Elimina
  2. Prima come era? Ora sembra nuovo!

    ps restauri anche mariti?????????????? ahahahahahahh

    RispondiElimina
  3. Complimenti, sembra davvero nuovo. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Dipingi, dipingi, che fa bene al morale!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioni&Co 40 - Emozioni: uova decorate

Lo so Pasqua è passata e oggi non è neanche il primo giorno del mese. Non me lo dite, lo so da me che sono in un ritardo cosmico! Che io ci ho provato  pianificare per benino anche questo blog, ma proprio non ci riesco. Ora voi mi chiederete: cosa ha a che fare il tema di questo mese di Ispirazioni&Co, emozioni, con la Pasqua? La risposta più ovvia è che il giorno del lancio del nuovo tema quest'anno è coinciso con il giorno di Pasqua. Ma questo non è un posto da risposte banali, giusto?

Christmas Boots per decorare il Natale

Noi, per tradizione associamo la calza piena di doni alla festa dell'Epifania. In molti paesi nordici, invece, la tradizione riguarda la notte di Natale.  Ci sono molte storie e legende al riguardo, ma in tutte compare la figura di  San Nicola.  Quella che a me piace di più narra di un nobiluomo che, rimasto vedovo, perse tutte le sue ricchezze nel crescere da solo le sue tre figlie.  Le giovani, prive di dote, avrebbero faticato a trovare marito rischiando di dover vendere il proprio corpo per procurarsi da vivere.  San Nicola, all’epoca vescovo, venne a conoscenza della triste situazione di questa famiglia. Rammaricandosi della sorte che sarebbe potuta toccare alle tre figlie dell’uomo, decise di intervenire. Lo volle, però, fare discretamente, senza far sapere che fosse lui il benefattore. Per questo scelse di agire nella notte, lasciando dei sacchetti di oro sul camino della famiglia. Uno dei sacchetti cadde, però, all’interno di una calza e fu proprio lì che fu trovato al matt

Mini libro per l'autunno

Ogni tanto bisogna sperimentare e blog nasce proprio per documentare i miei pasticci creativi. Certo questa volta, forse ho un po' esagerato e ora vi racconto perchè. Prima di tutto per il video: il mio primo reel su instagram. Lo so i reel esistono da un bel po' e io arrivo tardi a scoprirli, ma mai dire mai! Il video, poi è di per sé una sfida perché nel video vi mostro un mini libro che ha come tema l'autunno e con il quale partecipo al Craftlandia Challenge  di Craftartista. Ok direte voi... dove sta la sperimentazione? La sperimentazione, anzi le sperimentazioni, stanno proprio dentro a questo mini libro nel quale ho voluto raccogliere tutto ciò che riguarda l'autunno utilizzando tecniche particolari. Questa è la pagina con la sperimentazione che mi è piaciuta di più e che mi ha dato più filo da torcere. Ho realizzato un caviardage, o almeno ci ho provato. Il caviardage è una processo creativo che consiste nella realizzazione di una poesia a partire da una pagina s