Passa ai contenuti principali

Restyling di un tavolino anni '70


Ci sono progetti, grandi o piccoli ha poca importanza, per i quali bisogno pensare e ripensare, studiare e pensare a ogni piccolo aspetto prima di lanciarsi nella loro realizzazione.
Ci sono poi, degli oggetti che si hanno in casa da anni e che sono da sempre rovinati e quasi non ci si fa più caso fino al giorno in cui ci si accorge che fossero meno rovinati sarebbero senza dubbio più belli.
Capita poi che girovagando per il web si incappi in una vernice gessosa facile (abbastanza) da stendere e che praticamente attacca su tutte le superfici anche senza passare una base di aggrappante.

E allora ogni tassello finisce nel posto giusto, ogni progetto prende la giusta strada e allora occorre solo reperire i materiali e mettersi all'opera.
Questa è un po' la storia che sta dietro a questo tavolino, ma è anche la storia di un progetto decisamente più grande e impegnativo che riguarda la casa di campagna e per il quale dovrò aspettare la primavera.
Tornando al tavolino ora vi spiego bene cosa ho combinato.
Galeotto fu l'incontro con le vernici Colorchic e con la pagina facebook La Bottega del Tarlo e del Decoro. Praticamente è stato amore a prima vista!
L'impulso sarebbe stato quello di acquistare tutto tramite internet, ma ho respirato a fondo e ho aspettato Abilmente Roma per poter fare i miei acquisti e per chiedere qualche indispensabile consiglio.
Così ho acquistato sia la vernice per questo lavoro, sia quella per il progetto più grande e ambizioso.
la voglia di mettermi al lavoro e la curiosità di vedere il risultato finale hanno fatto sì che mi dimenticassi di fare la foto del prima ma vi assicuro che le zampe del tavolino erano veramente molto rovinate e la vernice ha coperto benissimo ogni imperfezione.
Ah naturalmente, fatto il tavolino, ho cominciato a pensare a tantissimi altri progetti. Ho ancora qualche mobile al quale mi piacerebbe cambiare aspetto.
Che dite procedo?

Commenti

  1. Prima non so come fosse, ma visto così è bello e la vernice da un pò di anticato comunque. Procedi pure. Buon week-end. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima aveva le zampe rovinate dall'acqua. Ok procedo!

      Elimina
  2. Prima come era? Ora sembra nuovo!

    ps restauri anche mariti?????????????? ahahahahahahh

    RispondiElimina
  3. Complimenti, sembra davvero nuovo. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Dipingi, dipingi, che fa bene al morale!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Di arredamento, sogni e ispirazioni

Ultimamente, lo avrete notato, sto mettendo mano ad alcuni mobili di casa.
Mi sono data al craft estremo passando dalla semplice passata di cera ai mobili, a lavori di tappezzeria realizzati in tandem con mia mamma.
In pratica sto cercando di dare una nuova possibilità a sedie e mobili e complementi d’arredo che così come erano non mi piacevano più.
Però per fare questo lavoro io ho anche bisogno di ispirazione, molta ispirazione? Dove trovarla?

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Le frittelle di Carnevale - la ricetta

Le frittelle sono di gran lunga i dolci di carnevale preferiti dall'Ometto.
Alle frittelle pensavo quando ho deciso di aprire la raccolta "Ricette di Carnevale". In pratica anzichè scrivere la ricetta ho ben pensato di indire un Linky Party!
Avete ancora tempo 15 giorni per partecipare, vi aspetto con le vostre ricette!

Intanto oggi è arrivato il momento di darvi la mia ricetta, direttamente da casa di mamma, che ha recuperato la ricetta di nonna... in praticva una vera e propria ricetta di famiglia.

Ingredienti:

250 gr di riccotta150 gr di farina2 uova60 grammi di zuccherobuccia di limone o di arancia grattugiatamezza bustina di lievito (2 cucchiaini da caffè)  Procedimento

Mescolate la ricotta con lo zucchero poi aggiungete le uova, la farina, la buccia di limone e per finire il lievito.

Friggete le frittelle in olio caldo.
La dose per realizzare la frittella è di un cucchiaino da thè colmo.


Inlinkz Link Party