Passa ai contenuti principali

Restyling di un vecchio baule

Mi ero esercitata qualche tempo fa con un piccolo tavolino rovinato, giusto per capire come stendere la chalk paint e per prenderci un poco la mano. Vi ricordate? era venuto con qualche difetto ma nel complesso non mi era dispiaciuto come primo lavoro.
Mi era servito giusto per prendere coraggio per lavori un po' più grossi e consistenti, tipo la pittura di un vecchio baule da biancheria.
Ci ho pensato a lungo prima di cominciare il lavoro, un po' perchè era veramente tanto rovinato, un po' perchè, avendolo sempre visto coperto non ero mica tanto sicura che mi sarebbe piaciuto come oggetto di arredamento.

Poi, durante le vacanze di Natale l'ho svuotato completamente, l'ho ben pulito, ho fatto una cernita del suo contenuto (buttando un bel po' di roba inutile e salvando, invece cose che non ricordavo neanche di avere) ho risistemato tutto in modo più razionale (ho sistemato bene tutte le cose del cucito) e ho preso la decisione di renderlo, anche esteticamente, più adatto a me e all'ambiente.
Ho pulito bene anche l'esterno, ho isolato le parti in pelle con il nastro carta e ho cominciato il mio lavoro con i penneli.


E' stato un lavorto infinito perchè ho usato i miei ritagli di tempo e senza mettermi delle scadenze, usando il pennello come un esercizio zen e in fondo mi sono divertita anche se il risultato non è stato immediato e il lavoro non si è concluso dopo pochi giorni.
Ora però vi spiego per bene quali materiali ho usato e come ho fatto.

Materiali occorrenti
  • alcool denaturato
  • panno di cotone
  • nastro adesivo di carta
  • pennello di grandezza media
  • chalk paint "cielo di velluto" di Colorchic
  • cera neutra 
  • cera in pasta scura 
  • acqua micellare
Procedimento
Ho pulito tutta la superficie per bene con alcool denaturato.
Ho, poi, isolato con nastro carta le parti che non avrei dovuto dipingere facendo attenzione a essere il più possibile precisa.
Fatto questo ho cominciato il lavoro più lungo: dipingere.

La chalk paint deve essere prima di tutto ben mescolata perchè è una vernice molto pastosa e la parte fluida tende a separarsi dalla parte materica.

In tutto ho dovuto dare due mani facendo asciugare molto bene tra una mano e l'altra. Non ho avuto grossi problemi perchè, essendo un lavoro fato nei ritagli di tempo, in qualche caso sono passati anche giorno tra un passagio di colore e l'altro.
Sono stata bravina e non ho dovuto carteggiare perchè con la seconda passata il colore è diventato omogeneo e sono spariti i segni del pennello.

Prima di passare la cera ho tolto il nastro carta e ho pulito con acqua micellare (quella che serve per togliere il trucco) le parti in metallo e in pelle e tutte le imprità sono venute via come per magia 😉.

Ho poi passato con un pezzo di stoffa di cotone prima la cera neutra e poi la cera a pasta scura per sporcare il lavoro perchè non mi piaceva lasciare il colore omogeneo e perchè, detto tra noi che non ci senta nessuno, pensavo che il colore fosse un po' più scuro e un po' più tendente al grigio.





Commenti

  1. Sei veramente brava e paziente in questi lavori che richiedono tempo. Complimenti. buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Sono contenta che ti piaccia

      Elimina
  2. Ti è venuto veramente bene cara Barbara! E che pazienza!
    Un abbraccio
    Maria
    P.S. da me c'è un indovinello per il mio compliblog

    RispondiElimina
  3. uaooooo ... veramente bellissimo Barbara devo rispolverare anch'io i pennelli ... mi prudono le mani .....troppo brava Barbara ....bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusi va giù di pennello, che ha ragione Federica, è terapeutico!!!

      Elimina
  4. Ma braaaaavaaaaaaaa... Io avrei potuto dire addio ad un baule se mai mi ci fossi cimentata :DD

    RispondiElimina
  5. Ma dai Irene... bisogna solo buttarsi (magari con un progetto un poco più piccolo!)

    RispondiElimina
  6. Hai messo la cera scura? Mica me lo avevi detto. Avevo capito solo la chiara.
    Comunque brava, sono lavori che danno sempre soddisfazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ho messo la cera scura perchè mi sembrava troppo celeste.

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Ispirazioniandco 48: SIPARIO

31 dicembre 2018...e anche questo anno, fra qualche ora ce lo togliamo definitivamente di mezzo. Un bel sipario rosso pesante che cade su 12 mesi intensi, stancanti, difficili eppure bellissimi.

Più che un momento di bilanci, questo è un momento di chiusure, più o meno definitive ma pur sempre chiusure.

Regala Un Libro per Natale. La mia partecipazione

Sono stata indecisa fino alla fine, fino all'ultimo giorno utile per partecipare, poi alla fine ho ceduto all'ultima mail di Fedrica e anche per questo anno ho partecipato allo swap di Natale più fiko che c'è: "Regala un Libro per Natale"!
Un abbinamento perfetto e una intesa assoluta, quella con Grazia e suo figlio Pietro.
Così, appurato che i nostri due ragazzi hanno gli stessi gusti in fatto di lettura, abbiamo deciso di regalarci lo stesso libro: Diario di una Schiappa. Una vacanza da panico.

L'Ometto è cresciuto, i suoi gusti in fatto di libri si sono evoluti e io ancora non sono riuscita a raccontarvelo...sarà uno dei miei buoni propositi per il 2019.

Saponette gel fai da te

Succede, capita, che si guardi distrattamente Facebook dal cellulare. Un po' per abitudine, un po' per passare il tempo, un po' perché non si ha la voglia di fare letture un po' più impegnate, un po' per curiosità.
E di certo un video attira molto di più l'attenzione di un testo scritto.
Così è successo che un paio di sere fa io sia stata ipnotizzata da un video tutorial nel quale venivano realizzate saponette gelatinose.
A me l'idea di fare il sapone a casa mi è sempre piaciuta molto. Non ho mai provato perchè ho sempre avuto molta paura di usare la soda, quindi ho sempre cercato scorciatoie. Vi ricordate delle mie saponette alla glicerina? Ecco diciamo che anche in quel caso ho un po' barato!
Quando invece ho visto il video tutorial qualche giorno fa ho pensato "Ma dai! Può essere mai così semplice? Ci devo provare".
Detto, fatto, domenica mi sono fatta aiutare dall'Ometto e ora vi spiego bene cosa abbiamo combinato.

Ingredienti:

una bust…