Passa ai contenuti principali

Ricetta: il pane della domenica

 


Un alimento apparentemente semplice come il pane, porta con sé una storia antica.

Nelle caverne degli uomini primitivi gli archeologi hanno ritrovato chicchi di cereali  che venivano utilizzati come alimento integrante della carne. 

I chicchi di cereali venivano frantumati fra due pietre e poi mescolati con acqua per preparare una pappa cruda molto nutriente che veniva poi cotta alla fiamma.

Archeo Parc in Val Senales
Archeo Parc (Val Senasel)

Sono stati gli Egizi i primi veri panettieri che hanno posto le basi affinché il pane potesse conoscere un successo senza fine e senza frontiere.

I Greci, successivamente, raggiunsero una grande abilità nella preparazione di pane e focacce che condivano con olio, ammorbidivano con latte, aromatizzavano con pepe e altre erbe, impastavano con il vino e il miele. 

I fornai greci furono i primi a lavorare il pane di notte, in modo che la gente al mattino, lo trovasse cotto, fresco e croccante.

A Roma, invece, il pane entrò nell’uso quotidiano soltanto verso la fine del periodo della Repubblica: stando a quanto racconta Plinio, la sua cottura fu introdotta nel 168 a. C., ad opera di alcuni schiavi catturati in Macedonia dopo la sconfitta del re Perseo. 

Gli antichi popoli Italici vivevano in un territorio fertile che coltivavano a cereali, tra cui il farro, allora molto diffuso e da cui deriva la parola farina. A Roma sorsero le prime botteghe per lo smercio di pane e, per la prima volta, comparve la categoria dei mugnai e successivamente quella dei fornai panettieri.

A casa mia il pane lo faceva mia nonna, con il lievito madre, alzandosi all'alba e cuocendolo poi al forno a legna (prima di cuocere le braciole!)



Io una volta, da ragazzina, ho partecipato al rito però l'alzataccia e l'assoluto silenzio nel momento della lavorazione del pane mi ha fatto desistere dal parteciapre ancora.

Vi starete chiedendo del perchè dell'assoluto silenzio e io ora ve lo spiego. La nonna era molto schizzinosa: "se si parla si sputacchia nel pane", non aggiungo altro.


Io comunque, a distanza di anni, con una ricetta consolidata e con l'aiuto della planetaria, del lievito di birra e il forno a gas il pane l'ho fatto di nuovo e tanto male non deve essere venuto visto che non ne è avanzato nemmeno un pezzetto.


Qui di seguito vi lascio la ricetta


Ho impastato la sera, ho lasciato riposare tutta la notte e poi ho finito di lavorare, fatto i panini e cotto la domenica mattina.

Commenti

  1. Anch'io lo preparo ogni tanto ma cerco di farlo poche volte perchè sparisce prima del previsto ... quindi divieto assoluto della dietologa del mio pane casalingo : ;) che bell'aspetto anche il tuo .... no pasta madre evito ... dal momento che non dobbiamo mangiarlo e siamo solo in due ...

    RispondiElimina
  2. E già, c'è stato lo stesso problema anche qui...😜

    RispondiElimina
  3. Ma, miseria, hai pure il forno in campagna? La ricetta l'ho segnata, ci provo!!!

    RispondiElimina
  4. Mmmmm! Your bread looks delicious!
    Kisses

    RispondiElimina
  5. Io non ho mai provato a fare il pane in casa. Le mie nonne lo facevano ma forse in tempo di guerra, non ricordo di averle mai viste fare il pane. Comunque è una bellissima cosa saper fare il pane in casa, col lievito madre, con la planetaria.. complimenti. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Il Gufo pasticcione

Il gufo è uno degli anomali che a me piacciono di più. Misateriosa creatura della notte, è da sempre sinonimo di saggezza. In molte delle culure antiche il gufo è considerato una figuras magica. Ad esempio, i nativi americani associavano il significato del gufo alla saggezza e al fatto di essere il guardiano di tutti i tipi di saperi. Questo si deve al fatto che questo uccello è un grande combattente contro le condizioni avverse del clima, ma soprattutto riesce a vedere di notte. In epoca medioevale nel centro Europa si diceva che questi animali fossero in realtà streghe e maghi. Da quel momento si considera questo animale come parte della famiglia delle streghe. E visto che io, di fatto, sono una strega saggia, ho deciso di realizzare un piccolo gufo da appendere al pomello di un cassetto della mia postazione craft. Ora vi racconto anche come ho fatto. Ho preso: una rondella di legno bianca (comprata chissà dove),  2 occhietti mobili 1 filo di corda giallo (di quelli che chiudono l

Mini ghirlanda con perline di legno

  Buongiorno! Partecipo anche questo mese al Resto Amistoso 162 organizzato questo mese da Ovillo de Eli .  Tema della challenge sono le perline e io mi sono affidata alle mia scorta di perle di legno. Vi dico subito che non era questo il progetto che avevo in mente e che ho provato a fare con scarsi risultati.  E così ho scelto il mio piano B, la ghirlanda di perle di legno. Un progetto semplice, veloce da realizzare ma che mi dà sempre tanta soddisfazione perché può essere personalizzato in molti modi.  Per realizzare la ghirlanda servono: Perline di legno Filo di ferro Nastrino colorato Ho infilato le perline nel filo di ferro che ho poi chiuso a cerchio con l'aiuto di una pinza. Ho decorato con del nastro colorato. Con questo post partecipo a 

Premiazione di fine anno: come realizzare una coccarda in carta crespa

Domani sarà per l'ometto l'ultimo giorno di scuola. La fine di questo primo anno alla scuola primaria. Un anno scolastico pieno, intenso, fatto di impegno di compiti di scoperte e di prime responsabilità. A settembre era un piccolo bambino spaurito con uno zaino quasi più grande di lui, che non sapeva né leggere né scrivere. Oggi è un bel ragazzino molto più sicuro, che ha acquisito molta autonomia e che legge e scrive benissimo da solo. E insieme a lui tutti i suoi compagni di scuola. E così noi genitori abbiamo deciso di premiare gli sforzi dei nostri bambini con una colorata ghirlanda di carta crespa. Per ammortizzare la spesa di dover comprare 19 coccarde uguali e perché, diciamolo pure, a me piace impelagarmi in queste cose, le coccarde le ho realizzate io. Come? Ora ve lo spiego. Materiali occorrenti: carta crespa colorata basi piccole per spille cartone pressato colla a caldo 19 tondini di carta con su stampato il n. 1 Io ho comprato la carta crespa già

le asole per finta:ovvero come far credere che a chiudere sia un bottone

Fare un'asola fatta tipo quelle delle giacche (per intenderci) è veramente difficile. Alla mia nonna sarta , ad esempio, mai e poi mai verrebbe in mente di mettersi a fare un asola di questo tipo: finché ha avuto la sua ricamatrice di fiducia ha sempre dato a lei il lavoro.