Passa ai contenuti principali

Ricetta: il pane della domenica

 


Un alimento apparentemente semplice come il pane, porta con sé una storia antica.

Nelle caverne degli uomini primitivi gli archeologi hanno ritrovato chicchi di cereali  che venivano utilizzati come alimento integrante della carne. 

I chicchi di cereali venivano frantumati fra due pietre e poi mescolati con acqua per preparare una pappa cruda molto nutriente che veniva poi cotta alla fiamma.

Archeo Parc in Val Senales
Archeo Parc (Val Senasel)

Sono stati gli Egizi i primi veri panettieri che hanno posto le basi affinché il pane potesse conoscere un successo senza fine e senza frontiere.

I Greci, successivamente, raggiunsero una grande abilità nella preparazione di pane e focacce che condivano con olio, ammorbidivano con latte, aromatizzavano con pepe e altre erbe, impastavano con il vino e il miele. 

I fornai greci furono i primi a lavorare il pane di notte, in modo che la gente al mattino, lo trovasse cotto, fresco e croccante.

A Roma, invece, il pane entrò nell’uso quotidiano soltanto verso la fine del periodo della Repubblica: stando a quanto racconta Plinio, la sua cottura fu introdotta nel 168 a. C., ad opera di alcuni schiavi catturati in Macedonia dopo la sconfitta del re Perseo. 

Gli antichi popoli Italici vivevano in un territorio fertile che coltivavano a cereali, tra cui il farro, allora molto diffuso e da cui deriva la parola farina. A Roma sorsero le prime botteghe per lo smercio di pane e, per la prima volta, comparve la categoria dei mugnai e successivamente quella dei fornai panettieri.

A casa mia il pane lo faceva mia nonna, con il lievito madre, alzandosi all'alba e cuocendolo poi al forno a legna (prima di cuocere le braciole!)



Io una volta, da ragazzina, ho partecipato al rito però l'alzataccia e l'assoluto silenzio nel momento della lavorazione del pane mi ha fatto desistere dal parteciapre ancora.

Vi starete chiedendo del perchè dell'assoluto silenzio e io ora ve lo spiego. La nonna era molto schizzinosa: "se si parla si sputacchia nel pane", non aggiungo altro.


Io comunque, a distanza di anni, con una ricetta consolidata e con l'aiuto della planetaria, del lievito di birra e il forno a gas il pane l'ho fatto di nuovo e tanto male non deve essere venuto visto che non ne è avanzato nemmeno un pezzetto.


Qui di seguito vi lascio la ricetta


Ho impastato la sera, ho lasciato riposare tutta la notte e poi ho finito di lavorare, fatto i panini e cotto la domenica mattina.

Commenti

  1. Anch'io lo preparo ogni tanto ma cerco di farlo poche volte perchè sparisce prima del previsto ... quindi divieto assoluto della dietologa del mio pane casalingo : ;) che bell'aspetto anche il tuo .... no pasta madre evito ... dal momento che non dobbiamo mangiarlo e siamo solo in due ...

    RispondiElimina
  2. E già, c'è stato lo stesso problema anche qui...😜

    RispondiElimina
  3. Ma, miseria, hai pure il forno in campagna? La ricetta l'ho segnata, ci provo!!!

    RispondiElimina
  4. Mmmmm! Your bread looks delicious!
    Kisses

    RispondiElimina
  5. Io non ho mai provato a fare il pane in casa. Le mie nonne lo facevano ma forse in tempo di guerra, non ricordo di averle mai viste fare il pane. Comunque è una bellissima cosa saper fare il pane in casa, col lievito madre, con la planetaria.. complimenti. Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

#solocosebelle di Giugno

Se il mese di Maggio è andato via veloce (troppo veloce, a dire la verità), Giugno è stato pieno di eventi memorabili e non potevo non raccontarveli. In realtà non avrei potuto, ancora una volta, saltare l'appuntamento con #solocosebelle di Fioredicollina . Senza troppi preamboli ecco le mie cose belle di giugno Uno Riaprono i musei e noi ne approfittiamo per una fantastica visita guidata ai Musei Vaticani. Bella, faticosissima ma senza dubbio un bel nutrimento per lo spirito. Avrebbero potuto anche lasciarmi lì dentro, davanti alla Scuola di Atene di Raffaello e io non avrei minimamente protestato. Due Un anno scolastico difficile si è concluso in modo molto positivo! Sempre in presenza tranne le 2 settimane nelle quali siamo stati zona rossa. Bravi tutti i ragazzi, gli insegnanti e le famiglie perchè questo a settembre sembrava davvero un traguardo difficile da raggiungere. Ora lo studente si rilassa e si gode le sue meritate vacanze! Tre Finalmente a giugno è arrivato il nostro

Bouquet di fiori di carta

Qualche giorno fa, dopo aver realizzato questo bouquet di fiori ho pensato che la cosa divertente del fare la blogger è poter creare cose inutili con i materiali più improbabili. Non datemi torto! Io negli anni ho fatto di tutto usando qualsiasi materiale e molte tecniche. Non avevo mai usato, però, tovaglioli di carta per realizzare dei fiori. L'idea mi è venuta, come al solito, navigando su Pinterest in cerca di ispirazione per un altro lavoro (che vedrete fra qualche giorno, ma che per il momento è top secret!). Come spesso succede non cercavo tutorial per realizzare fiori con i tovaglioli. io volevo realizzare fiori di ciliegio con la tecnica dell'origami. Idea fikissima se non fosse che dopo 2 giorni di prove ho dovuto arrendermi per manifesta incapacità. Ho dovuto fare varie prove trovare la giusta dimensione dei miei fiori, ma alla foine sono molto soddisfatta del risultato e ora vi spiego come ho fatto. Ogni fiore è realizzato con un tovagliolo di carta multivelo.  Per