Passa ai contenuti principali

Ispirazioni&Co - Giochi - di come un videogioco diventa di carta


Quando Rosalba ci ha comunicato in Conclave il tema di questo mese di Ispirazioni&Co. sono stata felicissima. Io che ho cominciato a giocare da piccola e praticamente ancora non ho mai smesso! Un invito a nozze!

Così mi sono messa subito a pensare a qua.le strabiliate gioco inventare, a cosa proporre a mio figlio, a come farmi aiutare da lui... Rotelline che giravano e di fatto poche idee.

L'Ometto ultimamente, come è anche giusto che sia, è attirato come una calamita verso i giochi elettronici. A casa nostra è comparsa, accanto al televisore la consolle per giocare. E il gioco è diventato anche quello, con tante regole ferree, con tanti limiti, ma insomma a casa nostra sai gioca ai videogiochi!

Ora non è che io posso scrivere un post incentrato tutto su un meccanico che corre all'impazzata a guadagnare monete d'oro, giusto?

Sbagliato! E' proprio quello che ho deciso di fare io oggi: lasciarmi ispirare dai videogiochi per proporre un gioco da poter costruire a casa e che di tecnologico ha veramente poco!


I grande problema dei videogiochi è il costo degli stessi. Insomma, se non si è disposti a spendere una fortuna e a investire subito una notevole cifra in dvd, l'unica alternativa è averne pochi (uno, due al massimo).

Ho scritto "l'unica alternativa?"... beh un'altra alternativa, poco virtuale e molto materiale ci sarebbe: costruirne uno di carta.

Come?

Mio figlio si è innamorato di Mario Kart, che fa le corse dentro al carrello della spesa. Ecco come siamo riusciti a rifare il gioco usando pochi, pochissimi materiali.

Prima di tutto i personaggi.

Prendete carta matita e pennarelli e mettetevi a disegnare e a colorare.


E questo lavoro è stato fatto tutto dall'Ometto, essendo io proprio incapace a disegnare.

Il mio contributo è stato creare il carrello della spesa.

Per essere precisa e non fare troppi pasticci ho preferito fare il modello sul foglio a quadretto. L'ho poi ritagliato e l'ho usato come dima per ricopiare il carrello su foglio bianco.


Ho piegato i lati e incollato le alette con la colla stick.



Vi starete chiedendo: "e ora come si gioca?".

Ce l'avete a casa una cannuccia? Tutti in casa  dovrebbero avere almeno una cannuccia.

Mettete il carrello con Mario a terra, chinatevi, avvicinate la cannuccia al carrello e soffiateci dentro.


Questa volta abbiamo fatto le cose in grande e abbiamo documentato anche il collaudo.



Se per un po' non troverete nuovi post sappiate che stiamo costruendo la pista!!!

Con questo post partecipo a



Appuntamento a martedì prossimo con Fabiola.

inlinkz aprile

Commenti

  1. Hahahah questo si che è ingegnoso e anche un vero spasso!
    Ottima idea per la prossima volta che avrò la mia piccola Gaia da guardare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si costruisce in poco tempo (e il gioco è anche quello), e poi a fare la gare ci si diverte un mondo!

      Elimina
  2. Idea Carinissima!!! :)
    un bacione
    http://sogniamore.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Maddaiiii, che spasso! Fighissimo questo gioco che vi siete inventati! E che gioia vederli staccarsi dalla wii per ricreare i loro eroi dal vero con le loro preziose manine! Bravo cucciolo e brava tu...carrello niente male ;-D
    Un abbraccio <3 <3 <3

    RispondiElimina
  4. Ma che bella idea! Viva i giochi fai da te!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  5. TU SEI UN GENIO!!!
    E non dico altro!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Progetti di giardinaggio aspettando la primavera

Le giornate si stanno allungando e io presto tornerò a passare i fine settimana nella casa in campagna così ho cominciato a progettare alcuni cambiamenti. Lo scorso anno mi sono dedicata a sistemare le porte e i comodini della camera da letto, vi ricordate? Quest'anno, invece, mi è venuta voglia di sistemare un po' l'esterno della casa perché lo scorso anno mi sono limitata a togliere erbacce e a estirpare una pianta rampicante molto invasiva. Sì ma da dove partire? Beh, intanto cercando sul web un po' di ispirazioni. E così sono annegata, di nuovo, nel mare di Pinterest: ho cominciato a guardare, studiare, salvare pin e ben presto  mi sono ritrovata in una altra dimensione di colori e di profumi. Ho poi cercato di capire come poter realizzare piccole aiuole, o meglio, piccoli giardini delle fate e le rotelle della creatività hanno cominciato a girare vorticosamente... So già che il lavoro sarà lungo e che non riuscirò a fare quest'anno tutte le cose che ho in mente

Marzo: solo cose belle

  Siamo già arrivati a fine Marzo e io sono di nuovo pronta per mostrarvi la mia agendina di cose belle. Questo mese è stato difficilissimo trovare cose belle, almeno fino a quando non ho trovato questa frase  Da questo momento poi anche questo pazzo mese ha cominciato a ingranare per il verso giusto e io posso raccontarvi qui almeno 2 cose belle (che non saranno tante ma sono sicuramente meno di niente). La prima cosa bella viene dritta dritta, il giorno prima che il Lazio entrasse in zona rossa, dal ritiro del catechismo di Cresima di mio figlio.  Vi lascio anche il link al corto della Pixar che ci ha fatto vedere solo se poi nei commenti mi promettente di dirmi a quale dei tre protagonisti vi sentite più vicini 😉.  La seconda cosa bella è la primavera e le giornate che cominciano ad allungarsi.  Che poi in primavera fioriscono i fiori ma fioriscono anche le idee... Con questo post partecipo a

Calendario dell'Avvento nei barattoli delle conserve

Anche se sono arrivata tardi a scrivere questo post e, ormai, di barattoli ne sono rimasti pochi, vio volgio raccontare del Calendario dell'avvento di quest'anno. L'idea di partenza è stata quella di riciclare i barattoli di vetro delle conserve. Per fortuna l'idea mi è venuta per tempo e sono riuscita a mettere da parte i barattoli. Far diventare un barattolo da conserva una casella del Calendario dell'Avvento non è afffatto difficile, ora vi spiego come ho fatto.